Nutrimento & nutriMENTE

Gruppo Bauli: per il Centenario dell’azienda, una ricerca dedicata al concetto di bontà e all’evoluzione del suo significato nel tempo

Gruppo Bauli: per il Centenario dell’azienda, una ricerca dedicata al concetto di bontà e all’evoluzione del suo significato nel tempo

By Tiziana

in occasione del Centenario dalla fondazione dell’azienda, il Gruppo Bauli in collaborazione con Nextplora ha condotto una ricerca dedicata al concetto di bontà e all’evoluzione del suo significato nel tempo.

 

Secondo l’indagine, gli italiani non rinunciano alla qualità dei prodotti che scelgono, sebbene gli aspetti ambientali e il legame con la tradizione condizionino sempre di più le decisioni di acquisto: infatti per oltre 9 intervistati su 10 la qualità del prodotto – con aspetti quali l’origine degli ingredienti, la naturalità, l’assenza di conservanti/additivi/coloranti, la genuinità e la golosità – resta sempre, inequivocabilmente, il primo fattore capace di condizionare le decisioni di acquisto. Seguono, nella scala dei driver di acquisto, la sostenibilità (84%) e, infine, la storicità (79%), ovvero l’italianità e il rispetto della tradizione.

Rispetto al passato alcuni elementi sono diventati maggiormente rilevanti nel definire un prodotto buono. In questo senso, il 61% dei rispondenti ha indicato ha indicato la qualità degli ingredienti, insieme alla naturalità e all’assenza di conservanti / additivi / coloranti al primo posto. Segue in seconda posizione l’origine degli ingredienti, con il 56% delle preferenze, e subito dopo, con il 54%, la confezione riciclabile / sostenibile per l’ambiente.

 

La ricerca Nextplora per Bauli ha analizzato anche abitudini e percepito della ricorrenza per eccellenza, il Natale. Un momento magico e speciale che, nonostante il passare degli anni e i cambiamenti della società, resta immutato nei cuori: nessun dubbio infatti… Senza panettone e pandoro non è Natale! Secondo l’indagine, sono loro a creare l’atmosfera autentica del Natale per il 62% degli italiani (più ancora dell’albero, che “fa Natale” per il 59%). In aggiunta, le note di “A Natale Puoi” – la canzone che da anni fa da sottofondo agli spot di Bauli – sono la colonna sonora del Natale per antonomasia secondo il 45% degli intervistati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: