Gravidanza, anche il fumo passivo è pericoloso per il neonato

Gravidanza, anche il fumo passivo è pericoloso per il neonato

Il fumo passivo respirato durante la gravidanza può rendere i neonati più vulnerabili a future malattie.

Lo dice una ricerca dell’Università di Pittsburgh (sezione Graduate School of Public Health), diretta dal dottor Stephen Grant e pubblicata su “Open Pediatric Medicine Journal”.

Grant e colleghi si sono appoggiati ad un precedente studio, che aveva evidenziato anomali nel gene HPRT (che si trova nel sangue del cordone ombelicale) dei neonati figli di non fumatrici ma
esposte al fumo passivo. Allora, gli scienziati hanno notato come i figli di madri non fumatrici ma esposte al fumo passivo mostravano le stesse anomalie dei neonati di madri fumatrici.

Tali difetti potevano limitare la possibilità di sopravvivenza ed il peso alla nascita, favorendo malattie come il cancro.

A riguardo, gli esperti hanno riscontrato mutazioni nel gene glicoforina A (GPA), simili a quelle che si hanno quando le cellule normali diventano cellule cancerose. Questo gene può
inoltre presentarsi in diverse mutazioni nocive, a seconda della situazione: madri fumatrici “convinte”, madri fumatrici “pentite” e non fumatrici ma esposte al fumo ambientale,

Conclude allora Grant: “Questi risultati confermano la nostra precedente conclusione che passivo, o secondario, il fumo provoca danni genetici permanenti nei neonati molto simili ai danni
provocati dal fumo attivo”

Fonte: Stephen G. Grant, “Tobacco Smoke Exposure and Somatic Mutation in Newborns”, Open Pediatric Medicine Journal 2010, doi: 10.2174/1874309901004010010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento