Fumo, gli omega-3 riducono i danni

Fumo, gli omega-3 riducono i danni

Il fumo fa male, ed i suoi effetti durano a lungo.

Detto che smettere è il rimedio migliore, chi non riesce a dire basta può limitare i danni assumendo omega-3.

Questo il fatto emerso da una ricerca dell’Università di Atene (sezione Scuola di Medicina), diretta dal dottor Gerasimos Siasos e presentata al recente (18-21 aprile) congresso Mondiale
di Cardiologia, Dubai.

L’indagine greca si è basata sull’esame di un campione selezionato di volontari. Per 4 settimane, tali soggetti hanno assunto quotidianamente una dose ( 3g) di acidi grassi omega-3. In
seguito, sono stati sottoposti ad una serie di esami medici. I test hanno messo in luce una serie di miglioramenti cardiologia: le arterie risultavano più elastiche e vi era una netta
riduzione dei danni da fumo all’intero sistema vascolare.

Riassume il dottor Siasos: “Questi risultati suggeriscono che gli acidi grassi omega-3 inibiscono gli effetti negativi del fumo sulla funzione arteriosa, che è un indipendente marcatore
prognostico di rischio cardiovascolare. Gli effetti cardioprotettivi degli acidi grassi omega-3 sembrano essere dovuti a una sinergia tra i molteplici, complessi meccanismi, che coinvolgono gli
effetti antinfiammatori e anti-aterosclerotici. Inoltre, l’AHA (American Heart Association) raccomanda che le persone senza storia documentata di malattia coronarica dovrebbero consumare una
varietà di pesce (preferibilmente azzurro – ricco di omega-3) almeno due volte alla settimana”.

Tale ricerca è stata esaminata e commentata da molti degli esperti riuniti a Dubai: tra loro, la dottoressa Kathryn Taubert, Chief Science Officer presso la World Heart Federation.
Secondo la dottoressa, “L’unico modo per proteggere il corpo dagli effetti nocivi del tabacco è quello di smettere di fumare”. Detto questo, la scienziata ritiene valida
l’effetto-paracadute degli omega-3, ricordando come questi debbano entrare in una dieta sana, valida per fumatori e non.

FONTE: “Omega-3 fatty acids may help to reduce the physical harm caused by smoking”. World Heart Federation, 20/04/012

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento