Formigoni, Bresso e Burlando: «subito Federalismo fiscale»

Milano – I presidenti delle Regioni Lombardia, Piemonte e Liguria, Roberto Formigoni, Mercedes Bresso e Claudio Burlando, hanno inviato una lettera congiunta al Governo (al
presidente del Consiglio Prodi e ai ministri Padoa-Schioppa, Bianchi e Di Pietro) per chiedere che sia rapidamente reso operativo e stabilizzato nel tempo il provvedimento, già contenuto
nella legge Finanziaria, sull’utilizzo da parte delle Regioni dell’extragettito derivante dall’aumento dei traffici portuali per realizzare nuove opere della rete infrastrutturale.

«Abbiamo valutato concordemente l’importanza della norma – dice tra l’altro il testo della lettera – ed è evidente che le nostre Regioni, Liguria, Piemonte e Lombardia, sono
particolarmente interessate a utilizzare pienamente e rapidamente le opportunità consentite da questa norma e a concordare iniziative comuni volte al potenziamento del sistema logistico
che comprende i porti liguri e la rete infrastrutturale che deve assicurarne le connessioni con il Nord del paese e l’Europa.«
L’iniziativa segue gli incontri che si erano svolti in Piemonte tra le due Giunte regionali, con il coinvolgimento degli industriali liguri e piemontesi, e i successivi contatti di Bresso e
Burlando con Formigoni. I tre presidenti auspicano che il provvedimento attuativo della norma sul «federalismo fiscale«
in materia di porti e infrastrutture possa essere iscritto all’ordine del giorno della Conferenza Stato-Regioni prevista il prossimo 20 marzo, in modo che il Governo possa licenziare subito
dopo il dispositivo di attuazione della legge.

Leggi Anche
Scrivi un commento