Foresta fossile di Dunarobba

AVIGLIANO UMBRO – Le risorse naturalistiche, ambientali e turistico-culturali del territorio che gravitano intorno alla Foresta Fossile di Dunarobba verranno adeguatamente sviluppate e
valorizzate, un impegno che è stato formalizzato attraverso un “Protocollo d’intesa”, recentemente sottoscritto da rappresentanti del Comune di Avigliano Umbro, Provincia di Terni,
Regione, Università di Perugia, Ufficio scolastico regionale e Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Umbria. Un accordo interistituzionale con cui si intende perseguire la
promozione di un “Centro di esperienza e ricerca ambientali” presso l’area naturalistica della Foresta Fossile e l’annesso “Centro di paleontologia vegetale”.

«L’intero complesso -si legge nel documento- è utile per la costituzione di centri di esperienza ambientale, di ricerca e formazione nelle discipline geologiche, nonché per
l’elaborazione di percorsi didattici coerenti con le peculiarità del territorio e le esigenze formative del mercato culturale». Obiettivi primari che l’accordo intende perseguire
sono: l’utilizzo di spazi espositivi come struttura museale inserita nel sistema regionale; l’individuazione di percorsi di documentazione storico-artistica e didattici da offrire alle scuole,
ai visitatori e ai residenti; l’accreditamento della Foresta Fossile come “Centro di educazione ambientale”; la caratterizzazione del “Centro di paleontologia vegetale” e della Foresta Fossile
come luogo di elaborazione e documentazione di un progetto educativo; l’utilizzo delle strutture per stages formativi per studenti e specializzandi, in primo luogo dell’Università di
Perugia; il rafforzamento del “Centro di paleontologia vegetale” come punto di diffusione delle conoscenze scientifiche relative alla Foresta Fossile ed alla storia della terra; l’indicazione
dello stesso Centro come punto di riferimento di un sistema integrato della rete intercomunale di beni naturalistici e storico-artistici e per la valorizzazione dei beni archeologici; la
garanzia della coabitazione tra attività scientifico-educativa e valorizzazione culturale e turistica dell’area della Foresta Fossile, nonché della salvaguardia ambientale della
zona interessata dalla coltivazione della cava di argilla e dalla relativa attività industriale. “Un bel pacchetto di proposte -sottolinea con soddisfazione il Sindaco di Avigliano
Umbro, Giuseppe Chianella- la cui attuazione contribuirà in maniera fondamentale alla valorizzazione di questa area che presenta peculiarità di estremo interesse, uniche nel loro
genere. La collaborazione e l’impegno, sia programmatorio che finanziario, di diverse Istituzioni rappresentano una garanzia per il conseguimento degli obiettivi fissati. Ogni soggetto
firmatario del Protocollo offrirà, infatti, il proprio contributo per il potenziamento del polo museale del “Centro di paleontologia vegetale” riqualificandolo anche come Centro di
ricerca e diffusione di conoscenze scientifiche, con l’attivazione di programmi e sperimentazione didattica e di formazione di operatori per lo studio e la gestione dei beni naturalistici”.
Impegni precisi e circostanziati verranno, così, ricondotti ad ogni soggetto firmatario del “Protocollo d’intesa”, che, ognuno per le proprie competenze, provvederà ad assicurare
progetti e programmi finalizzati alla realizzazione di questo ambizioso progetto.

Leggi Anche
Scrivi un commento