Thello! Finalmente! Ripristinato il treno tra Milano e Marsiglia – Dal 14 dicembre 2014

Thello! Finalmente! Ripristinato il treno tra Milano e Marsiglia – Dal 14 dicembre 2014

Sarà in esercizio dal 14 dicembre
Tanto tuonò che alla fine piovve! Dopo anni d’interruzione il servizio ferroviario (una volta addirittura c’erano direttamente i collegamenti -via Milano- dalla Svizzera a Nizza) tra Milano, la Costa Azzurra e la Provenza dal 14 dicembre sarà ripristinato. E’ gestito dalla “THELLO”, una società a capitale misto: 67% di Trenitalia e 33% della francese Transev.
Il materiale rotabile sarà quello delle Frecce bianche e i posti a disposizione dei viaggiatori saranno di 1.a e 2.a classe con una scaletta dei prezzi, come da tempo avviene, per i treni circolanti lungo lo Stivale.
Per ogni treno ci saranno  2 vetture di 1.a classe. Complessivamente ogni convoglio trasporterà dai 450 ai 600 passeggeri disposti su file a uno e due posti in vetture aperte, che consentiranno comunque di portare a bordo una valigia a passeggero.
Il comfort è quello ben conosciuto dai milioni di viaggiatori che da anni utilizzano questo tipo di trasporto.

Parliamo ora dei prezzi, per tratta. 
Quelli del Milano Nizza partono: dai 15 € per lo Start, 45 per la 2.a, e 60 per la 1.a Cl. 
Per la Milano Marsiglia sono rispettivamente di 30, 70, 90 €. 
I costi della Genova  Nizza vanno da 15, a 35, a 50 €
mentre per la Genova Marsiglia  25, 60 e 80 €.

Questi gli orari già in calendario: 
partenza da Marsiglia alle 15,30, da Nizza alle 18,09, da Monaco alle 18,24 con arrivo a Milano alle 22,50. 

Per il ritorno: 
partenza da Milano alle 15,10, arrivo a Monaco alle 1938, a Nizza alle 19,55 e a Marsiglia alle 22,29. Sia nell’andata come per il ritorno  sono previste le classiche fermate nei centri maggiori.
Dal prossimo aprile  i treni saranno 3 sia all’andata come per il ritorno. 
Questi gli orari già programmati: 
partenza da Milano alle 7:10, 11:10 e 15:10 partenza da Nizza alle 8:09, 14:09, 18:09

Sono occorsi quasi 20 anni per cercare di recuperare gli italiani che dal 28% del 1982  sono calati lo scorso anno al 12% tra quelli che utilizzano il treno per trascorre le proprie vacanze o soggiornare nella seconda casa che hanno in Costa Azzurra.

La cosa che maggiormente colpisce è che da una parte (vedi Nizza) s’è fatto l’impossibile per combattere l’inquinamento atmosferico dall’altra si è abbandonata, anzi peggiorata con la riduzione dei treni, una linea ferroviaria che per buona parte -leggi: percorso italiano- è a semplice binario e che non lascia nell’aria CO2.,
Con thello ora si può sperare che finalmente non solo si rilanci ma addirittura si guardi ad una più incisiva  utilizzazione, con la creazione di tracciati sicuri, della ferrovia Genova-Ventimiglia,  da aggiungersi a quelli creati per il “Freccia rossa”.

Per Nizza, ma potremmo aggiungere per tutto il bacino Costa Azzurra-Provenza, è anche una questione economica, con le tante iniziative in calendario, riservate al turismo, al business e allo sport.
Avanti dunque per riconquistare, anche se siamo in recessione economica, il terreno perduto.

Nella foto:
la conferenza stampa svoltasi recentemente al Consolato Italiano di Nizza per la presentazione di Thello

Bruno Breschi
Corrispondente da Nizza
Newsfood.com

Leggi Anche