Festival storico “AltroTempo”: Edoardo Raspelli apre una finestra sul passato

Festival storico “AltroTempo”: Edoardo Raspelli apre una finestra sul passato

Concluso il mercato dell’artigianato e dei sapori europei con la degustazione, domenica 3 agosto, della celebre polenta di Storo in compagnia di un esperto d’eccezione, Edoardo Raspelli, la Valle del Chiese, “paradiso” trentino a ridosso della Lombardia, adesso apre una finestra sul passato. Un passato tragico, quello della prima guerra mondiale che scoppiò proprio un secolo fa e ancora ricordata come un’inutile massacro di giovani vite provenienti da tutta Italia e che, in gran parte, nemmeno conoscevano l’esistenza di queste terre.

L’appuntamento di questo festival storico, dall’8 al 10 agosto, è un viaggio nella memoria della grande guerra, significativo il nome scelto “AltroTempo”, che si svolgerà nelle imponenti fortezze che nella Valle del Chiese furono teatro del sanguinoso evento bellico, in particolare Forte Larino e Forte Corno. Quindi, un’occasione per riflessioni sulla guerra, sull’inutilità di questo strumento di distruzione che quasi sempre, e l’abbiamo verificato in epoche recenti, è preceduto dalla manipolazione delle informazioni per influenzare l’opinione pubblica. Ecco l’opportunità di organizzare anche la manifestazione “AltroTempo, parole di piombo”: un’occasione per valutare la “battaglia delle parole” animata prima e durante il conflitto bellico da un esercito di guerrieri “armati di penna”.

Ad un secolo da quei tragici eventi, i guerrieri  “armati di penna” ci sono ancora, ma “convocati” da Raspelli presso l’Ostello Bello di Milano, nelle sue vesti di amico di queste contrade e affiancato dall’assessore Massimo Valenti e Aurora Mottes del Consorzio turistico Valle del Chiese (frazione Cologna 99, Pieve di Bono, infoline 0465.901217, www.visitchiese.it, info@visitchiese.it), sono stati “invitati” ad utilizzare l’arma a loro disposizione per fare conoscere un territorio, con al centro il fascinoso Lago d’Idro, al confine con la provincia di Brescia, che è un autentico paradiso terrestre.

Per questo il Consorzio turistico ha predisposto un calendario di eventi che dopo il mercato dell’artigianato e dei sapori europei, prosegue con il concerto di Habib Koité – venerdì 8 agosto, alle ore 14 presso il Forte Corno che aprirà gli appuntamenti di “Dolomiti di Pace” -, e andrà avanti sino al 21 settembre con il festival enogastronomico Mondo Contadino.

Nel frattempo si potrà continuare a degustare la polenta di Storo con la visita alla cooperativa che produce la pregiata farina gialla utilizzata per preparare la polenta e i biscotti;  ma, anche, scoprire il mondo delle api e le virtù del miele; partecipare all’evento “il pane di Fra Dolcino” per assistere a tutte le fasi della preparazione del pane casereccio cotto nel forno a legna; scoprire, con il programma Muuuuu!, la vita in malga e le tecniche della lavorazione del latte e la successiva caseificazione. Suggestivo anche il viaggio nelle fortezze della grande guerra e il giro in battello per ammirare le bellezze affacciate sul Lago d’Idro. Oltre alla possibilità di praticare tutti gli sport all’aria aperta: trekking, parapendio, canyonig, surf.

Insomma, una grande immersione nel fascino naturalistico e nei sapori del Trentino più vicino alla Lombardia.

Michele Pizzillo
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento