Festival Gran Paradiso dal Vivo: 10, 11 e 12 settembre

Festival Gran Paradiso dal Vivo: 10, 11 e 12 settembre

Termina con gli ultimi 3 spettacoli la 4° edizione di Gran Paradiso Dal Vivo, il festival del Teatro in Natura, organizzato da Compagni di viaggio, finanziato e promosso dal Parco Nazionale Gran Paradiso, con il patrocinio della Città metropolitana di Torino, in collaborazione con Turismo Torino e Provincia e con il contributo dell’Unione Montana Gran Paradiso, dell’Unione Montana Valli Orco e Soana, della Fondazione CRT, di IREN e di SMAT. La rassegna vede anche quest’anno la direzione artistica di Riccardo Gili, oltre alla partecipazione di artisti e compagnie provenienti da tutta Italia.

 

Venerdì 10 settembre presso la medievale Torre Tellaria di Pont Canavese, il ritrovo sarà alle 20,30 presso l’Ist. Comprensivo di Pont Canavese in via Montiglio per L’arte del vivere e del morire – Tragodìa Project” uno spettacolo del Lab Perm scritto e diretto da Domenico Castaldo con Domenico Castaldo, Ginevra Giachetti, Marta Laneri, Rui Albert Padul, Natalia Sangiorgio e Judit Beltri Pasinello, Marta Maltese, Zi Long Ying. Si nasce e si muore. Ora, come sempre. L’essere umano del terzo millennio prova terrore all’idea di invecchiare e di non essere più. La Madre Terra scorre, in un angolo del Cosmo, in un moto eterno e da sempre insegna al genere umano come liberarsi da queste paure. Per celebrare la relazione tra genere umano, Terra e Cosmo sono nati i riti di passaggio, segnati da danze, canti, preghiere, segnati dal Teatro insomma, dalla Tragodìa, un canto in simbiosi con la Natura. Uno spazio di riflessione sulla nostra natura umana, sulla nostra vulnerabilità e la capacità di redenzione dell’arte e dello spirito. Il lavoro evoca il mito del Minotauro e la figura di Arianna, e ci riporta all’interno di una vicenda che ci invita a trovare in noi e nell’ “umano”, in relazione all’inesplicabile, la fonte e la meta dell’esistere. Lo spettatore sarà condotto in un viaggio emotivo attraverso una sinfonia di canti a cappella. Sono canti originali, frutto di una lunga ricerca vocale in seno al LabPerm e legati a danze ed azioni fisiche capaci di generare trasporto empatico ed emotivo, il motore scenico della drammaturgia musicale. Il coro (corpo e voci) costituisce l’ambientazione vibratile, e si presenta come la polis senza parole che interroga i protagonisti attraverso il suono, ovvero attraverso l’emotività resa pura dalle armonie. In caso di maltempo lo spettacolo avrà luogo presso l’Oratorio parrocchiale di Pont Canavese, via Oltresoana 9.

Sabato 11 settembre con ritrovo a Noasca alle ore 17,30 ecco “L’ombra del lupo” di Compagni di Viaggio, che avverrà sul sentiero che porta alla borgata Sassa. Da un’idea di Riccardo Gili e Diletta Barra, Regia di Marzia Scala con Diletta Barra e Riccardo Gili e la consulenza artistica di Marco Ferrero. Fine anni ’90, i primi branchi di lupi riappaiono dopo quasi un secolo sulle Alpi e una paura antica, che sa di fiabe e leggende, si riappropria di chi vive e frequenta le montagne. In un piccolo paese di montagna un pastore organizza una segreta caccia al lupo. Ma i suoi progetti sono ostacolati dalla presenza della nipote, convinta ambientalista. Uno spettacolo itinerante su una tematica attuale per il Parco, che coinvolge direttamente il pubblico in un percorso drammatico e ricco di sorprese. Ritrovo presso Albergo La Cascata per verifica biglietti e Green Pass. In caso di maltempo lo spettacolo avrà luogo presso il PalaNoasca nei pressi dell’albergo La Cascata, Frazione Gera 1.

Si chiude domenica 12 settembre a Locana, con uno spettacolo dedicato al Re Vittorio Emanuele, che ha dato origine alla riserva di caccia che si trasformerà poi nel primo parco d’Italia, il Parco Nazionale Gran Paradiso. Si tratta di “Il Re e la Rosina: un anno dopo” di Compagni di Viaggio, dove potremo assistere alle vicende del Re cacciatore e della sua amante, la Bela Rosin. Uno spettacolo di Riccardo Gili, regia: Marzia Scala, con: Alice De Bacco, Diletta Barra, Simone Frea, Alessandro Gays e Francesco Gargiulo. Ritrovo alle ore 15,30 presso la borgata Verné a Locana, zona di accesso al ponte romanico. Ancora una volta il re Vittorio Emanuele II cerca un po’ di pace dalla vita politica, rifugiandosi nelle sue amate montagne. Ma non c’è tregua quando si sta facendo la storia. Nella cornice di un Italia che si sta facendo, tra diplomazia ed esercito, tornano le passioni e gli amori del re e della sua Corte. Ritroviamo così la bella Brigida, il suo amato Artom, ora diplomatico a servizio di Cavour e il promosso Maggiore Incisa di Camerana. Cosa sarà successo nelle loro vite? In caso di maltempo lo spettacolo avrà luogo al coperto presso l’anfiteatro di Piazza Gran Paradiso (ex casermette) a Locana. Parcheggio in frazione Sar 1.

Gli spettacoli saranno a numero chiuso con ingresso riservato ai prenotati dotati di Green Pass. Il costo del biglietto è di 5 euro, per tutti gli spettacoli. Gratuito per bambini sotto i 6 anni. Tutti gli spettacoli sono con prenotazione obbligatoria telefonica a 348 2450340 oppure su www.cdviaggio.it/granparadisodalvivo-info-prenotazioni Gli spettacoli si svolgeranno all’aperto, è dunque necessario dotarsi di abbigliamento e calzature adatte ad escursione in montagna. Alcuni degli spettacoli prevedono camminate su sentiero. In caso di maltempo gli spettacoli avranno comunque luogo, alla medesima ora, in uno spazio al coperto. Per la partecipazione agli spettacoli il pubblico dovrà rispettare alcune semplici regole per la sicurezza e la prevenzione del contagio da covid19, reperibili su https://www.cdviaggio.it/granparadisodalvivo-regole-di-comportamento

Numerose imprese turistiche e case delle Valli del Gran Paradiso si sono convenzionate con il Festival e riconosceranno uno sconto per pasti o pernottamento a coloro che presenteranno prenotazioni o biglietti del Festival. L’elenco delle strutture convenzionate sarà disponibile su  www.cdviaggio.it/granparadisodalvivo

Leggi Anche
Scrivi un commento