Federconsumatori dice no al parco eolico di Is Arenas

Federconsumatori dice no al parco eolico di Is Arenas

Non bastano le colate di cemento che imperversano un po’ ovunque nel territorio sardo, deturpando il paesaggio e sfavorendo il turismo ambientalistico. Ora l’ultima frontiera porta il nome di
Parco eolico, da attuarsi presso il litorale oristanese di Is Arenas ad opera della società Is Arenas Renewable Energies S.r.l.

Manovra alla quale Federconsumatori della Regione Sardegnai ntende opporsi strenuamente in favore di una maggiore tutela dei consumatori sardi, considerato il pregiato valore del tratto
costiero.

Il parco eolico, qualora il progetto venisse approvato, si estenderebbe su una superficie marina di ben 2200 ettari (e 450 metri quadrati di area demaniale) nel tratto di mare fra Pallosu e
S’Archittu, a un solo miglio di distanza dalle coste di Is Arenas: sarebbe costituito da 80 torri piazzate a circa 35 metri sotto il livello del mare e alte oltre 100 metri, con enormi pale
rotanti per la produzione di energia elettrica che elargirebbero complessivamente 320 Megawatt.

Uno scempio che non tiene conto, secondo l’Associazione, dei rovinosi impatti economico, turistico e ambientalistico che il parco apporterebbe senza, peraltro, raggiungere una grande efficienza
in termini di produzione di energia elettrica (secondo alcuni esperti tale tecnologia sarebbe ormai da tempo superata).

Luogo di villeggiatura (sono presenti tre campeggi e diverse strutture ricettive solo nelle immediate vicinanze dalla zona preposta all’impianto) e costa di notevole pregio paesaggistico, Is
Arenas rischia di diventare presto luogo dimenticato dai sardi e dai vacanzieri, economicamente poco sfruttabile e destinato alla noncuranza della salvaguardia costiera. Un prezzo troppo caro
da pagare, per i comuni interessati al progetto e per l’intera isola, al quale gli avvocati e tutti i volontari di Federconsumatori della Regione Sardegna replicano con un corale “no”. Invitano
pertanto i consumatori contrari al parco eolico afirmare una petizione da presentare alla Regione Sardegna, rivolgendosi presso i propri sportelli o contattando l’Associazione agli indirizzi
e-mail:

federconsardegna@gmail.com
info@federconsumatori.cagliari.it
ufficiostampa@federconsumatori.cagliari.it

Leggi Anche
Scrivi un commento