FADS1 – LIPC – SCAD – MCAD: i quattro cavalieri dell’alimentazione

FADS1 – LIPC – SCAD – MCAD: i quattro cavalieri dell’alimentazione

Alcuni non si fanno mancare pastasciutte, gelato o fritture e rimangono sempre snelli, con un fisico invidiabile. Altri vivono con la bilancia in mano e la dieta sempre presente, ma alla minima
infrazione vengono subito castigati con chili in più.

La colpa di queste differenze è nel patrimonio genetico. Ad affermarlo una ricerca condotta dall’Helmholtz Center di Monaco di Baviera, guidata da di Karsten Suhre, e pubblicata su PLoS
Genetics.

Gli studiosi tedeschi hanno individuato gli aghi della bilancia del peso in quattro geni: Fads1, Lipc, Scad e Mcad, le cui variazioni determinano diverse risposte del metabolismo all’assunzione
d’alimenti.

Soddisfatta Suhre, che afferma: «Questo studio è il primo passo per ottenere cure individualizzate e basate sulla combinazione di caratteristiche genetiche e metaboliche; conoscere
come l`organismo scompone le molecole che poi costruiranno cellule e muscoli e forniranno energia, è fondamentale per studiare trattamenti più efficaci».

Quello che è in gioco, infatti, non è solo una vita sottile od una corporatura d’atleta per essere alla moda: il malfunzionamento del metabolismo è spesso causa di patologie,
come il diabete, che possono compromettere seriamente la salute ed il benessere del paziente.

Grazie allo studio di Suhre e collaboratori, però, da oggi, sarà più facile intervenire contro queste malattie, in quanto la conoscenza del corredo genetico renderà
più facile la progettazione di terapie ad personam, con maggiori probabilità di successo.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento