Fabbisogni formativi e professionali delle imprese Piemontesi

Torino – E’ stata presentata questa mattina a Torino, presso il Centro Congressi Torino Incontra, alla presenza dell’assessore regionale al Lavoro, Teresa Angela Migliasso, la
prima fase del disegno di indagine sui fabbisogni professionali e formativi delle imprese nelle province e nella regione.

Questa tipologia di analisi è diventata, negli ultimi anni, un importante punto di riferimento per l’orientamento scolastico e professionale, in grado di offrire indicazioni preziose al
sistema dell’istruzione e della formazione e favorire l’incontro tra domanda ed offerta di lavoro.
Nel 2007 la Regione Piemonte e le Province piemontesi hanno deciso pertanto di rilanciare l’attività di ricerca, al fine di individuare, per i settori più significativi delle
diverse aree della regione, le figure professionali sulle quali le imprese intendono fare leva nei prossimi tre o quattro anni.
Allo scopo è stato sottoscritto un Protocollo d’intesa, con un impegno economico di circa 1 milione di euro, per creare una rete di collegamento stabile nel tempo, che faciliti
l’aggiornamento delle rilevazioni e che renda più coesa la partecipazione dei vari attori pubblici e privati che garantiscono la raccolta e l’attendibilità delle
informazioni.
L’indagine, iniziata nell’aprile scorso, riguarda 18 settori, suddivisi in 8 bacini territoriali, uno per l’intero territorio regionale e gli altri corrispondenti alle province.
Lo studio è stato completato nella sua prima parte, riguardante l’analisi delle figure professionali nei settori individuati dalla Regione e dalle Province. Per ogni settore i gruppi di
lavoro, costituiti dai rappresentanti e dai tecnici esperti delle parti sociali, hanno definito il quadro congiunturale, i processi di filiera, le varie tipologie di prodotti e messo a fuoco le
diverse figure professionali presenti.
I risultati sin qui raggiunti hanno contribuito alla realizzazione di ben 54 rapporti, uno per ciascun comparto analizzato nella Regione e in ogni provincia (lo stesso comparto poteva
era oggetto d’indagine in più province). Sulla base di questi rapporti sono stati costruiti e validati i questionari che, nella fase conclusiva del progetto, saranno somministrati ad un
campione rappresentativo di oltre 4.000 imprese in tutta la regione.

«Con l’incontro odierno – ha affermato l’assessore Migliasso – si chiude una fase importante dell’indagine e se ne apre un’altra, quella della distribuzione dei
questionari alle imprese, non meno importante, ma certamente più delicata e carica di incognite. La speranza che gli sforzi profusi nella prima parte possano portare al successo finale
derivano dalla certezza che i principali attori della Rete hanno risposto in maniera molto positiva alle sollecitazioni degli organizzatori del progetto, offrendo un contributo che per
quantità e qualità ci ha veramente sorpreso. Ora occorre lavorare per la pubblicizzazione dell’indagine e per un coinvolgimento attivo delle imprese nella compilazione dei
questionari».

«Con la conclusione dell’iniziativa – ha proseguito l’assessore – ci attendiamo un ulteriore miglioramento dell’integrazione con il sistema della formazione professionale, delle
utili ed attendibili indicazioni per le attività di orientamento per il sistema dell’istruzione e un collegamento più stretto con il sistema del lavoro. Sul versante della
formazione professionale c’è l’esigenza di perfezionare l’utilizzo dell’indagine sui fabbisogni ai fini della valutazione dei corsi di formazione professionale».

Leggi Anche
Scrivi un commento