Enti inutili, ADUC: “Chiudere l’Enea e passare le competenze al Cnr”

Enti inutili, ADUC: “Chiudere l’Enea e passare le competenze al Cnr”

Roma – “L’Enea svolge attivita’ di ricerca e innovazione tecnologica nei settori dell’energia, dell’ambiente e delle nuove tecnologie”. Cosi’ viene
scritto nel sito internet dell’ente, che in questi giorni e’ al centro delle polemiche perche’, alla vigilia di un nuovo commissariamento, sono previsti circa 700 aumenti di stipendio per il
personale e promozioni varie.

In Parlamento si sta discutendo l’ennesima riforma di un ente del quale non ne comprendiamo i motivi di esistenza. Nacque come Comitato Nazionale per le Ricerche Nucleari (Cnrn), braccio del
Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) per poi trasformarsi nell’autonomo Comitato Nazionale per l’Energia Nucleare (Cnen) e poi nell’attuale Ente per le Nuove Tecnologie, l’Energia e
l’Ambiente (Enea) attraverso un passaggio intermedio per Ente per l’Energia Nucleare ed Energie Alternative (sempre Enea). Una vita travagliata, insomma, pero’ ricca di finanziamenti pubblici
che finivano alle aziende private sotto forma di “promozione industriale”.

La soluzione? Far tornare l’Enea all’interno del Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr) come era all’origine, perche’ proprio il Cnr ha il compito di “svolgere, promuovere, diffondere,
trasferire e valorizzare attività di ricerca”. Eviteremmo doppioni, triploni, ecc., di personale e stipendi, consigli di amministrazione e, soprattutto, avremmo un indirizzo omogeneo e
compiuto della ricerca. Troppo semplice? Ovvio, ma in un Paese che ama guardare a Bisanzio, e’ difficile fare cose semplici!

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Leggi Anche
Scrivi un commento