Emergenza rifiuti, nuove proteste in Campania

Non rientra l’emergenza rifiuti in Campania nonostante il piano messo a punto dal commissario De Gennaro. Prosegue con buoni risultati il lavoro dell’esercito per rimuovere la spazzatura. Un
sensibile miglioramento si registra a Napoli e oggi i mezzi del Genio militare sono stati impegnati in alcuni comuni dell’area vesuviana e flegrea, ma in altre zone la situazione resta
altamente critica.

Proprio per chiedere l’immediata rimozione di cumuli di rifiuti un gruppo di manifestanti ha protestato a Melito, a nord del capoluogo partenopeo, occupando l’ingresso del comune.

Blocchi alla circolazione e presidi restano anche davanti ai siti di discarica e di stoccaggio indicati nel piano di De Gennaro, sulla statale Appia, all’ex manifattura tabacchi di Napoli e nel
comune di Marigliano. Il supercommissario De Gennaro oggi ha detto che sono state già rimosse già 90 mila tonnellate di immondizia e ha annunciato che forse già domani
partirà una raccolta differenziata straordinaria in tutta la Campania.

Leggi Anche
Scrivi un commento