FREE REAL TIME DAILY NEWS

Eccellenze agroalimentari, casalinghi, gioielli… in Amazon – opportunità per aziende e consumatori

Eccellenze agroalimentari, casalinghi, gioielli… in Amazon – opportunità per aziende e consumatori

By Giuseppe

 

Eccellenze agroalimentari di nicchia in Amazon ma anche casalinghi,  gioielli di piccole aziende italiane

 

Eccellenze agroalimentari e non solo, produzioni locali selezionate di nicchia, si possono trovare su Amazon – opportunità per le piccole aziende aziende artigianali e servizio di recapito veloce e senza rischi per i consumatori

 

 

Dicembre 2022

Durante il duro periodo del lockdown del terribile biennio 2020-2021, diverse aziende che rifornivano strutture commerciali del settore horeca hanno superato le improvvise difficoltà grazie alle vendite on line. Ma, quanti piccoli produttori di vino, di salumi, di formaggi, di prodotti agroalimentari tipici e di limitata distribuzione e quasi sempre molto ricercati dalla ristorazione, hanno la possibilità di organizzarsi per vendere on line? Non azzardiamo un dato sia perché ne siamo sprovvisti sia perché quelli circolanti potrebbero non essere molto realistici, però la sensazione che abbiamo è di quelle propensi al pessimismo. 

A questo punto non ci resta – dice qualche produttore che conosce meglio il web – che Amazon. 

E, raccogliendo le testimonianze di chi si è appoggiato alla piattaforma del colosso americano, i risultati sono, a quanto pare, positivi. Per esempio Fabiano Maillieri della Valle del Crati Group, piccola impresa situata in provincia di Cosenza e specializzata nella produzione di conserve, fichi, confetture, nduja, racconta che quando “nel 2015 abbiamo deciso di creare il brand ‘Valle del Crati Eccellenze Gastronomiche dal 1998’ per preservare il patrimonio di gusto della Calabria e portare i sapori tradizionali della regione al di fuori dei confini nazionali, grazie ad Amazon abbiamo raggiunto non solo tutta l’Italia ma, anche, la Francia e la Germania e siamo già pronti per fare il nostro ingresso anche in Spagna”. Senza Amazon Maillieri cosa avrebbe fatto? Continuare a vendere magari ai mercati dei paesi vicini a Bisignano, dove ha sede l’azienda, con la possibilità che con il passa-parola avrebbe potuto conquistare qualche consumatore in vacanze in Calabria, purchè a conoscenza delle produzioni tipiche della zona.

Più o meno simili le affermazioni di Francesco Toppi e Giorgia Barbati che hanno creato una piccola impresa, ilGustoonline “per vendere prodotti gastronomici tipici della zona dei Castelli Romani. L’idea di vendere prodotti è nata dalla nostra passione per il cibo e dall’intenzione di valorizzare e fare conoscere questo fantastico territorio, che noi amiamo molto, a più persone possibile”.

Di questi esempi se ne possono fare a iosa e, visto che il concetto di base dell’idea è più o meno lo stesso, evitiamo altri esempi perché potrebbe essere noioso dire le stesse cose. Però chi ha creduto  al web – sono più di 20.000 piccole e medie imprese – e si è affidato ad Amazon per farsi conoscere, per vendere addirittura all’estero, i risultati sono tutti positivi ed anche per i consumatori perché si possono fare portare comodamente a casa qualsiasi prodotto, anche quello difficile da trovare nel negozio sotto caso o nel grande supermercato. E, a questo punto, ha ragione il team di Amazon a sottolineare di aver aiutato le piccole e medie imprese a raggiungere addirittura più di 14,5 miliardi di euro di export e creare 100.000 nuovi posti di lavoro nel 2021. D’altronde le piccole-medie imprese svolgono un ruolo fondamentale nell’economia complessiva. E, poi, collaborare con Amazon si è dimostrato rivoluzionario per moltissime imprese di piccole dimensioni. Nel 2021 le PMI della regione europea di Amazon – fanno sapere dalla sede della multinazionale americana – hanno venduto più di 2,2 milioni di prodotti – pari a oltre 4.200 prodotti al minuto – a clienti di Amazon di tutto il mondo. L’incremento del volume di vendita rispetto al 2020 è stato del 65%, e anche il numero delle PMI che vendono negli store di Amazon ha segnato un incremento notevole, circa il 20% in più rispetto al 2020. Sono state oltre 50.000 le PMI di tutta la regione che hanno registrato vendite per più di 100.000 euro attraverso Amazon nel 2021, il 25% in più rispetto al 2020, e sempre lo scorso anno oltre 2.500 PMI hanno superato per la prima volta un milione di euro di vendite. Stiamo parlando di strutture produttive che nel 2021 rappresentavano il 99,8% di tutte le imprese dell’Unione Europea al di fuori del settore finanziario. Per crescere, queste imprese, hanno bisogno di accedere a clienti attivi e di dotarsi delle competenze digitali necessarie per soddisfare le loro esigenze, ovunque essi facciano acquisti. Se un’azienda vuole crescere, deve accedere anche a nuovi clienti e nuove aree geografiche. Noi, dicono in Amazon, aiutiamo le PMI a digitalizzare le loro attività tradizionali o a cominciare a vendere i loro prodotti online. Tant’è vero che collaborando con Amazon, una minuscola startup gestita dal tavolo della cucina di casa può avviare la sua attività e farla crescere in modo da accedere a un bacino di clienti globale che si estende ben oltre i confini della sua zona di vendita locale, raggiungendo clienti situati in più di 200 Paesi e territori. Quando un’impresa cresce, crea inevitabilmente nuovi posti di lavoro e assume nuove persone. L’aumento significativo nel raggiungimento di nuovi consumatori a livello globale vendendo attraverso i negozi di Amazon si traduce in un incremento di opportunità di posti di lavoro e impieghi. “Chiediamo ogni anno ai nostri partner di vendita un aggiornamento sul progresso delle loro attività. Questa ricerca ci fornisce informazioni utili sugli indicatori che contano per i nostri partner di vendita. È evidente che molte imprese stanno assumendo più personale che le aiuti a far fronte all’incremento dei volumi di vendita. A oggi, le PMI della regione europea che vendono negli store di Amazon hanno creato oltre 650.000 nuovi posti di lavoro a supporto delle loro attività online”.

Senza dimenticare che il consumatore che entra nel sito di Amazon trova di tutto. E’ uno store infinito e pronto ad offrire tutto. 

Michele Pizzillo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: