Dievole: “Sorseggiare la Natura”. Intervista a Gianni Mucciarelli, FB assistant

Nell’undicesimo secolo l’uomo cominciò col fare Dieulele. E Dievole, in una rara simbiosi finì col fare l’uomo. Rodolfino del fu Ardimanno e Vinizio del fu Sichelmo pagano due capponi, tre pani e sei Denari Lucchesi di buon argento per la promessa del divino, una vigna di Dieulele — la valle divina: è il 10 maggio del 1090. In quegli anni l’islandese Leif Erikson scopre il Nord America, i cinesi scoprono la polvere da sparo, Bologna apre la prima università del mondo, Roma è invasa dai Normanni e Papa Urbano II conquista Gerusalemme. Una parte di Dievole ha oltre nove secoli, un’altra è appena nata. Riunirle ha rese più forti le parti singole: i Denari Lucchesi sono stati trovati nel 1998, ricostruiti e riprodotti in argento fino per essere rimessi in circolazione su sole novemila, prestigiose, bottiglie di Novecento Riserva.

Leggi Anche
Scrivi un commento