Dieta, ecco Im2Calories: una foto per mangiare meglio

Dieta, ecco Im2Calories: una foto per mangiare meglio

Combattere l’obesità e favorire una dieta sana tramite gli smartphone.

No, non è la promessa di qualche mago delle televendite, ma l’obiettivo ultimo di un progetto portato avanti dal dottor Kevin Murphy. Ricercatore in matematica, già collaboratore di Google, ha presentato lo stato del suo lavoro al Rework Deep Learning Summit, di Boston.

Il programma si chiama Im2Calories, traducibile con “Ho troppe calorie”, dove il 2 (two) sta per too (troppo). Il principio di base è semplice: se la persona conosce quante calorie sta per assumere, ridurrà la dose totale, arrivando così a mangiare più sano.

Così, il software analizza un’immagine, riconosce gli alimenti presenti e stima dimensione e calorie.

Intervistato. Murphy ha spiegato come a Im2Calories bastino come riferimenti il piatto od altri oggetti nella foto e che possa utilizzare gli scatti più comuni, WhatsApp od altri social media.

Al momento, inoltre, il programma è semiautomatico: l’utente può cioè intervenire, correggendo rilevazioni errate o inserendo altri dati, per una valutazione più corretta.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento