Dalla Provincia di Viterbo il “Certificato di garanzia sociale d'impresa”

Viterbo – L’azienda che si comporta con un occhio di riguardo nell’ambito del sociale può ottenere vantaggi, essere riconosciuta e distinguersi sul mercato? E’ certo, anzi,
certificato, la Provincia di Viterbo ha infatti creato il «Certificato di garanzia sociale d’impresa», che verrà assegnato appunto a quelle aziende della Tuscia che hanno
sostenuto su base volontaria programmi d’inserimento lavorativo di persone disabili e socialmente svantaggiate.

«Lo scopo dell’iniziativa – dice l’assessore alle Politiche del lavoro, Stefano Di Meo – è quello di promuovere il lavoro come strumento fondamentale di intervento per
l’integrazione sociale. Ma non solo: così si riesce a favorire l’integrazione di disabili e persone socialmente svantaggiate, sostenendo la diffusione e l’adozione di principi
solidaristici e di responsabilità sociale da parte delle aziende del territorio».

E attraverso un apposito logo, l’impresa sarà riconoscibile agli occhi dei cittadini. Oltre ai disabili, per persone svantaggiate si intendono ex degenti di istituti psichiatrici,
soggetti in trattamento psichiatrico, tossicodipendenti, alcolisti, extracomunitari, nomadi, persone che rientrano nelle nuove povertà, quelle che intendono uscire dalla prigione della
prostituzione, minori in stato di bisogno, donne vittime di violenze, maltrattamenti e abusi, detenuti ed ex detenuti.

Questo è invece ciò a cui devono attenersi le imprese per ottenere il certificato e i suoi benefici. Come fare? Occorre assumere a tempo indeterminato, full o part time, persone
che rientrano nelle categorie indicate, avviare tirocini finalizzati all’inserimento lavorativo con successiva trasformazione in rapporti di lavoro a tempo indeterminato determinato non
inferiore a 12 mesi, trasformare contratti d’inserimento e apprendistato con persone disabili o socialmente svantaggiate in rapporti di lavoro a tempo indeterminato ancora full o part time,
procedere con inserimenti lavorativi valutati dall’Ufficio collocamento mirato e aventi particolare problematicità integrativa.

Il certificato ha validità annuale. E oltre a una diversa visibilità sul mercato, l’azienda avrà anche ulteriori benefici. «Da parte della Provincia – conclude Di Meo
– ci sarà infatti il riconoscimento di un contributo che indennizzi l’impresa dei diritti, dei tributi e delle imposte dovute all’ente per il rilascio di autorizzazioni o certificazioni
di competenza della stessa». Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio collocamento mirato, ai numeri 0761/353252 e 0761/353267 (Francesco Schirri).

Leggi Anche
Scrivi un commento