Da Regione Lombardia nuovo software per Tribunale di Milano

Milano – Verbalizzazioni dei processi civili e penali più rapide con l’utilizzo di software che, con la tecnologia della sintesi vocale, è in grado di effettuare
direttamente le trascrizioni di quanto accade nelle aule dei tribunali, è quanto prevede la convenzione tra Regione Lombardia, Tribunale di Milano e Lombardia Informatica, il cui testo
è stato approvato dalla Giunta regionale su proposta del presidente Roberto Formigoni.

L’iniziativa, a carattere sperimentale, si inserisce nel quadro della collaborazione in atto tra Regione Lombardia e Tribunale di Milano che, nei mesi scorsi si è concretizzata
nell’intesa siglata a Roma il 15 gennaio scorso al Ministero di Grazia e Giustizia, presente anche il presidente del Tribunale di Milano, Livia Pomodoro, «per il reciproco scambio di
personale», negli interventi straordinari per opere urgenti di manutenzione del Palazzo di Giustizia di Milano, nella fornitura di postazioni di lavoro e attrezzature informatiche, nella
messa a disposizione della palazzina Bauer per supplire alla carenza di spazi del Tribunale e nella sottoscrizione di un Accordo di programma per realizzare una nuova vera e propria Cittadella
della Giustizia a Milano.

L’introduzione di una sperimentazione sulle tecnologie vocali ha lo scopo di velocizzare la stesura dei provvedimenti e dei verbali nel processo civile e penale, di facilitare l’integrazione
automatica con il processo civile telematico, di sostituire il documento cartaceo riducendo i costi di stenotipia per la verbalizzazione.
Saranno 40 le postazioni di magistrati e cancellieri che parteciperanno alla sperimentazione in campo civile e penale limitatamente all’ufficio del Gip (giudice per le indagini
preliminari).
In campo civile il sistema sarà utilizzato per la redazione dei verbali di udienza evitando così manoscritti non sempre facilmente leggibili e disporre di files archiviabili e
condivisibili con gli avvocati tramite l’allargamento delle funzionalità del processo civile telematico prevista nei prossimi mesi.
In campo penale il software sarà utilizzato per la verbalizzazione delle udienze in Camera di Consiglio, anche con detenuti e anche presso il carcere, con installazione su pc portatili.

Leggi Anche
Scrivi un commento