Crisi economica, gli italiani non rinunciano alla buona tavola

Crisi economica, gli italiani non rinunciano alla buona tavola

 

Gli italiani non rinunciano alla buona tavola e nonostante la crisi aumenta del 6 per cento la spesa delle famiglie in vini a denominazione di origine nel 2008 e cresce dell’8 per cento
la percentuale dei cittadini che acquista regolarmente prodotti a denominazione di origine (sono il 28 per cento) e del 23 per cento di quelli che comperano cibi biologici, i quali
però interessano una fetta piu’ ridotta della popolazione (il 16 per cento). E’ quanto emerge dall’analisi Coldiretti – Swg sulle abitudini alimentari degli italiani.

Si tratta di settori di eccellenza del Made in Italy in cui l’Italia detiene il primato a livello comunitario con cinquantamila aziende biologiche che coltivano oltre un milione
di ettari, ben 176 denominazioni di origine riconosciute a livello comunitario e 4396 specialità tradizionali censite dalle regioni. L’Italia – precisa la Coldiretti –
è diventato, con il sorpasso sulla Francia, anche il primo produttore mondiale di vino e sono 477 i vini a denominazione di origine controllata (Doc), controllata e garantita
(Docg) e a indicazione geografica tipica (316 vini Doc, 41 Docg e 120 Igt).

In generale, le esportazioni dell’agroalimentare italiano sono quelle con un segno positivo più alto ( 10 per cento) mentre i consumi alimentari interni nel 2008, a differenza
di altri settori, sono gli unici che – sostiene la Coldiretti – complessivamente hanno retto.

I risultati confermano le analisi del censis sulla ripresa dei consumi e sulle grandi potenzialità del Made in Italy in tempi di crisi ma evidenziano anche – conclude la
Coldiretti – che il crollo di redditi in agricoltura non dipende dalla crisi generale ma dalla inefficenza della filiera lungo la quale i prezzi che moltiplicano di cinque volte dal
campo alla tavola.

Leggi Anche
Scrivi un commento