Cresce l’interscambio alimentare tra Irlanda e Italia

Cresce l’interscambio alimentare tra Irlanda e Italia

Roma – Italia e Irlanda sono più lontane geograficamente, che nel modo di cucinare. Parola di Sara Conforti, cuoca-manager al femminile, una stella Michelin, del ristorante locanda
Osteria del Vicario a Certaldo Alto (Fi) che ha dato prova di cucina nella grande tradizione toscana, con materie prime, dal salmone ai formaggi erborinati fino all’angus irlandesi. In una
iniziativa promossa da Bord Bia, Irish Food Board, un organismo governativo dedicato alla promozione e lo sviluppo delle esportazioni di tutti gli alimenti e delle bevande irlandesi.  

“Ho clienti che vengono apposta per la bistecca alla fiorentina, sapendo che è di angus. La ‘fiorentina’ è un taglio rinomato e di grande tradizione, ma quello che conta è la
materia prima e in Irlanda trovo ottime carni da allevamenti allo stato brado, molto attenti e rispettosi delle pratiche eco-sostenibili. Tutto l’anno propongo nei menu anche l’agnello e con le
forniture irlandesi ho inventato la marmellata di zucca gialla e birra Guiness e le praline di zucca con irish whiskey”.

Una chef toscana all’insegna della globalizzazione, dunque, al punto che mentre sabato sarà impegnata a piazza del Campo a Siena dove per la prima volta verrà riproposto il mercato
medievale, il 22 inaugura a Il Cairo, in Egitto, una succursale del suo ristorante italiano.   

Il settore delle bevande, con whiskey, birra e creme di liquore, sottolinea Bord Bia, “sta ottenendo in Italia un riconoscimento quasi paragonabile a quello ottenuto in Irlanda”. L’Irlanda,
ricorda l’ente governativo fondato nel 1994 da una fusione tra CBF (Ente Bestiame e della Carne Irlandese) e la sezione alimentare dell’Enterprise Ireland (Ufficio Commerciale Irlandese), ha
iniziato la promozione dei propri prodotti alimentari in Italia negli anni ’70 e vanta oggi una forte presenza nel mercato del belpaese.

Il settore alimentare e’ rappresentato principalmente da carne e bestiame, prodotti ittici e caseari, e registra un crescente interesse anche per prodotti pronti e specialità alimentari.
Le carni in particolare sono tracciate con uno dei più sofisticati sistemi in Europa per il monitoraggio degli spostamenti dei capi di bestiame e certificate dal Programma Qualità
Assicurata.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento