Cremona: un anno di lavoro delle Guardie venatori e ittiche

Cremona, 12 Dicembre 2007 – Le Guardie Venatorie ed Ittiche Provinciali (Gvip) chiudono l’anno con un bilancio particolarmente positivo e lusinghiero, nel 2007 l’attività si
è incentrata nella prevenzione delle violazioni in materia faunistica e ittica, svolgendo operazioni di vigilanza su tutto il territorio provinciale.

L’attività non ha riguardato solo la vigilanza ma, viste le sempre più numerose segnalazioni della cittadinanza e dei Comuni in merito alla considerevole presenza di nutrie e
piccioni, si sono intensificate le azioni di contenimento, anche con operazioni di pronto intervento. I dati dell’attività sono eloquenti: 993 persone controllate; 487 licenze di caccia
controllate, 506 licenze di pesca controllate; 65 verbali di accertamento contestati; 75 interventi per i piani di controllo; 241 nutrie abbattute, 4703 piccioni abbattuti, 21700 chilometri
totali percorsi .

Il servizio volontario delle guardie è una new entry all’interno dei servizi realizzati dalla Provincia e la riunione di fine anno presso gli uffici di via Dante cui hanno preso parte il
presidente della Provincia, on. Giuseppe Torchio, l’assessore all’agricoltura, Giorgio Toscani, il dirigente di settore Andrea Azzoni con il comandante provinciale della Polizia Locale
Provinciale, Mauro Barborini ed il funzionario Mirko Civello è stata l’occasione per discutere degli obiettivi raggiunti.
“Con l’entrata a regime della Guardie Venatorie ed Ittiche Provinciali ci siamo posti in un’ottica propositiva, accogliendo le richieste giunte dallo stesso mondo venatoriale e agricolo – ha
commentato Torchio – In particolare, l’attività è stata preziosa anche per gli interventi di tabellatura in istituti di protezione faunistica ed ittica, collaborando alle catture
di selvaggina e al recupero-semina di ittiofauna”.

“Tutela dell’ambiente e dell’agricoltura da un lato, diritto allo svolgimento di attività faunistiche e ittiche dall’altro vanno di pari passo e il corpo delle Guardie Venatorie e
Ittiche Provinciali è fondamentale per poter monitorare tutto il territorio, insieme alle altre realtà operanti a livello provinciale” ha aggiunto Toscani, “Se per un aspetto
abbiamo promosso una politica di “tolleranza zero” contro chi infrange le regole, parimenti siamo determinati a fare di queste nuove espressioni del volontariato una forza a fini preventivi ed
anche informativi”.
La riunione si è conclusa con lo scambio degli auguri e l’apprezzamento a Tortini Giuseppe (Coordinatore), Piva Ferdinando, Tinaci Giuseppe, Mariotti Giuliano, Galli Adriano Wainer,
Borrini Riccardo, Pistoia Fabrizio, Bonioli Maurizio, Pochetti Angelo, Trentarossi Paolo,Piazza Gianbattista, Polloni Giuseppe, Dondi Luigi, Negri Guglielmo per il lavoro svolto.

Leggi Anche
Scrivi un commento