Crac Lehman, grande successo per la manifestazione del Codacons davanti alla Consob

Crac Lehman, grande successo per la manifestazione del Codacons davanti alla Consob

Ha avuto un successo inaspettato la manifestazione organizzata oggi a Roma dal Codacons, davanti la sede della Consob a Piazza Verdi.

Il momento clou della protesta si è avuto quando la signora Vincenza Cavalluzzi – 74enne romana che a causa dei consigli scellerati delle banche è stata coinvolta nel crac Lehman
Brothers perdendo 14.000 euro – ha messo all’asta l’unica cosa che le è rimasta: i suoi escrementi.

La signora Cavalluzzi, dunque, è diventata oggi l’autrice dell’opera “Merda di fallita Lehman”, dal valore artistico di 15.000 euro, certificato da Vittorio Sgarbi, presente anche lui
alla manifestazione assieme a Gianni Ippoliti. Opera d’arte che ora verrà messa all’asta sul sito web della Casa d’Asta Antonina  (www.antonina1890.it), come simbolo di disperata
ribellione dei piccoli risparmiatori depredati dalle banche.

La provocazione si rifà alla “Merda d’artista” realizzata da Piero Manzoni negli anni ’60, battuta all’asta a oltre 120.000 euro.

Il presidente Codacons, Carlo Rienzi, è stato poi ricevuto dai vertici della Consob, ai quali ha consegnato un esposto contro gli istituti di credito che stanno adottando comportamenti
vergognosi nei confronti dei risparmiatori italiani coinvolti nel crac del colosso americano.

“Le banche sapevano benissimo, come minimo dal primo trimestre del 2008, l’elevato rischio dei titoli emessi da Lehman Brothers – spiega Rienzi – ed avrebbero dovuto informare di tale aumento
di rischio sia i nuovi acquirenti di questi titoli sia chi li aveva già in portafoglio. Invitiamo tutte le vittime del disastroso fallimento Lehman a fare causa alla propria banca per
ottenere il risarcimento del danno subito”.

Leggi Anche
Scrivi un commento