Controesodo: 300.000 romani, 220.000 milanesi, 100.000 torinesi, 50.000 fiorentini

Controesodo: 300.000 romani, 220.000 milanesi, 100.000 torinesi, 50.000 fiorentini

Milano Roma – Niente “bollino rosso” sulle strade italiane nel week-end di Ferragosto. Gli abitanti delle principali città italiane stanno diluendo, saggiamente, i rientri dalle vacanze:
in questi giorni, secondo le rilevazioni del CESCAT-Centro Studi Casa Ambiente e Territorio di Assoedilizia, stanno rientrando 300.000 romani, 220.000 milanesi, 100.000 torinesi, 50.000
fiorentini. Nel contempo stanno partendo per le vacanze quasi due milioni di italiani che preferiscono (e ne hanno la possibilità) recarsi nelle località turistiche dopo i gior ni
clou di metà mese.

Il primo massiccio rientro è previsto tra venerdì 21 e lunedì 24 agosto, con la punta il sabato 22: ma non si verificheranno situazioni di emergenza se non nel caso, che
non è possibile prevedere, di gravi incidenti stradali. Ecco comunque i punti dove sono previsti rallentamenti e code, oltre ovviamente ai caselli autostradali delle grandi città:
Piacenza-bivio Autobrennero; Cassino-Roma; tratto marchigiano-abruzzese; Savona e Sestri-Genova-Milano; Savona-Torino; A26 dei Trafori; Brescia-Milano; Pisa-Firenze; Civitavecchia-Roma;
Salerno-Caserta-Napoli; Chiasso-Lainate; alla dogana italo-svizzera e dai laghi; Tarvisio-Udine, dalla Slovenia e verso l’Austria: A27 Belluno-Venezia: dalle località di montagna;
traforo del Monte Bianco, in entrambe le direzioni; in concomitanza con gli orari dei traghetti dalla Sardegna, Corsica ed Elba, Sicilia.   

Il Cescat si sofferma nuovamente su un fenomeno finora poco rilevato durante il periodo delle vacanze più estese. Nei flussi viabilistici stradali ed autostradali dei fine-settimana
estivi rientrano anche i movimenti dei cosiddetti pendolari del week end.

Roma, che da questo punto di vista presenta molte analogie con Firenze, è la citta’ italiana con il maggior pendolarismo estivo derivante dalla vacanza del week end.

Infatti,Roma durante i mesi di luglio e di agosto in proporzione si spopola molto meno di Milano, di Torino; citta’ continentali non particolarmente vicine al mare, ma soprattutto di molto
discoste dal livello di attrattivita’, sia turistica, sia di vivibilita’ offerto dalla Citta’ Capitolina.

Sicche’, durante gli week end la Capitale presenta un notevole pendolarismo: abitanti che rimangono in citta’ per tutta la settimana (industria turistico-alberghiera, burocrazia ed
uffici,esercizi commerciali,servizi alla persona- ad esempio sanitari-  sono trainanti) e si spostano per la vacanza di fine settimana o per  raggiungere la famiglia nel week end.

Fino a  180/200 mila pendolari settimanali nel mese di luglio e quasi 80/100 mila nel mese di agosto, soprattutto verso le localita’ marine (coste laziali, toscane e campane ), ma anche
verso i Castelli e l’entroterra del centro Italia.

Milano presenta un pendolarismo settimanale di 80 mila cittadini in luglio e di 20/30 mila abitanti in agosto.
Liguria e Costa romagnola, ma anche i laghi lombardi e la montagna, sono le mete.
Torino segue rispettivamente con 50 mila e 15/20 mila pendolari per settimana.
Liguria di ponente e montagne piemontesi e valdostane,con il Lago Maggiore le localita’ più gettonate.
Il pendolarismo fiorentino si rivolge prevalentemente alla Versilia.

Leggi Anche
Scrivi un commento