Continuano i disservizi all’aeroporto di Fiumicino

Continuano i disservizi all’aeroporto di Fiumicino

Anche il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha potuto toccare con mano i disservizi che tutti i giorni patiscono i passeggeri che decidono di prendere un volo Alitalia in partenza/arrivo
dall’aeroporto intercontinentale Leonardo da Vinci di Fiumicino (Roma): un’ora di volo e un’ora di attesa, senza aria condizionata e in piedi. Alemanno ha convocato, per i prossimi giorni, una
riunione di tutti gli enti e operatori interessati all’aeroporto.

Caro Sindaco, diremmo in una lettera indirizzata al primo cittadino romano, ti accorgi ora che il biglietto da visita di una citta’ inizia con le stazioni di arrivo (aeroportuali, ferroviarie,
portuali, ecc.)? C’e’ bisogno di una esperienza diretta per capire i disagi di milioni di passeggeri che transitano per l’aeroporto romano? E dire che ieri era un semplice Martedi’ 25 agosto,
giorno non da bollino rosso o nero.

Cosa potrai dire alla riunione con Enac, Adr e societa’ di handling come Alitalia Airport? Forse potevi dire qualcosa quando Alitalia e’ stata privatizzata a carico del contribuente, potresti
aggiungere che sarebbe opportuno ritirare la concessione aeroportuale ad Adr, che il numero degli addetti al check-in, all’handling (carico e scarico merci) e ai controlli deve essere aumentato,
che la manutenzione deve essere garantita, che occorre pulire, che… Tutte cose che diciamo da anni, inascoltati. Ovvio che il tuo intervento avra’ maggior peso. Speriamo che serva . Gli
interessi in gioco sono tanti e consistenti. Auguri.

Primo Mastrantoni
segretario Aduc Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

Leggi Anche
Scrivi un commento