Conferenza europea sul clima

«Protezione del clima ed energia rinnovabile: i piccoli e medi comuni affrontano la sfida» è il tema della conferenza europea sul clima che – dopo Stoccolma nel 2006 –
quest’anno si svolge a Rovigo dal 2 al 4 aprile.

Protagonisti della conferenza saranno i governi locali all’avanguardia che mostreranno come sono riusciti a raggiungere tali risultati ma, allo stesso tempo, evidenzieranno gli ostacoli
incontrati e come sono stati superati.

L’evento è organizzato da ICLEI (governi locali per la sostenibilità), una associazione internazionale che raggruppa più di 750 governi locali (180 in Europa) e si occupa
di sviluppo sostenibile.

ICLEI nel percorso verso la riduzione di emissioni di CO2, individua proprio nei governi locali gli attori principali nel coinvolgere i cittadini e nel soddisfare il bisogno di fonti pulite di
energia, elementi indispensabili per costruire un futuro sostenibile.

Nella ‘Roadmap di Bali’ (Percorso di Bali), decisa nella recente conferenza di Bali, c’è l’appello ai governi nazionali ad agire, impegnarsi ed indicare il percorso da seguire per un
nuovo processo di negoziazione successivo al Protocollo di Kyoto.

Per i governi locali questo si rivela un momento cruciale, sia per dimostrare che è l’azione locale a muovere il mondo, ma soprattutto affinché essi vengano riconosciuti come
attori esemplari nel campo della protezione climatica e dell’energia sostenibile nelle discussioni da Bali 2007 a Poznan 2008 fino a Copenhagen 2009.

In occasione della conferenza verrà illustrata la strategia per dare sostegno ai governi locali nella ‘Roadmap’ da Bali 2007 a Copenhagen 2009.

La conferenza ha un forte carattere formativo ed è pensata specialmente per le comunità che hanno appena iniziato a sviluppare politiche di protezione climatica. Verranno
affrontati principalmente i temi dell’energia rinnovabile, della conservazione ed efficienza energetica, dell’adattamento al cambiamento climatico ed altri argomenti di particolare rilievo;
grande attenzione sarà dedicata al coinvolgimento dei cittadini e di altri attori locali.

Fonte: ministero Ambiente

Leggi Anche
Scrivi un commento