Confagricoltura: necessaria l’aliquota Iva agevolata per le cessioni di cavalli

 

Le recenti modifiche legislative in favore dell’attività ippica adottate dal Parlamento – che prevedono risorse finanziarie necessarie a garantire all’Unire il
regolare svolgimento di alcune attività istituzionali – non devono però far passare in secondo piano la necessità di intervenire per ripristinare l’aliquota
Iva agevolata al 10% per le cessioni di cavalli.

Lo sottolinea Confagricoltura che ricorda come lo stesso ministro per le Politiche agricole Zaia si sia già dichiarato favorevole ad un’apposita norma in tal senso, da
prevedersi nello schema di disegno di legge per il rafforzamento della competitività delle aziende agricole, che però non è stato ancora definitivamente approvato
dal Consiglio dei ministri.

A parere di Confagricoltura, l’iniziativa a favore del settore equino, non è assolutamente rinviabile e rappresenterebbe un importante segnale d’attenzione per un
comparto che, negli ultimi anni, è stato duramente provato da scelte gestionali non efficaci, dallo sfavorevole andamento mercantile e dalla mancata capacità delle
istituzioni di valorizzare la qualità di un’eccellente attività agricola nazionale.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento