Cirinnà: «Vescovo di Roma sostenga amministrazione comunale»

Roma – «Sarebbe auspicabile che il Vescovo di Roma non si schierasse così duramente contro l’Amministrazione comunale che investe il 48% del suo bilancio nei Servizi
sociali, facendosi carico di moltissime emergenze anche non proprie, come il grandissimo numero di immigrati rumeni che senza alcun controllo arrivano in città».

E’ il commento di Monica Cirinnà, vicepresidente vicario del consiglio comunale di Roma alle parole odierne del Santo Padre Benedetto XVI, rivolte ai rappresentanti degli Enti locali in
Vaticano per il tradizionale incontro d’inizio anno.

«Roma – prosegue Cirinnà – è da sempre culla della Chiesa, città amata e rispettata dai Papi, che furono anche re fino alla durata del potere temporale. Il Papa, come
Vescovo di Roma, ha il diritto-dovere di occuparsi della città, ma dovrebbe farlo sempre in modo costruttivo e collaborativo, con un occhio particolare alla cura dei fedeli e delle
anime. Per questo mi auguro che il Vaticano, uno degli Stati più ricchi del mondo, voglia sostenere concretamente l’amministrazione comunale, ancor più del prezioso contributo
della Caritas e di tante altre organizzazioni religiose, offrendo un aiuto fattivo verso i poveri e i meno abbienti della nostra città».

Leggi Anche
Scrivi un commento