CIA: Caccia, niente stravolgimenti della legge

 

La Cia evidenzia l’importanza dell’istituzione del Tavolo di lavoro congiunto presentato oggi al Senato. Espressa preoccupazione per i danni causati ai campi coltivati
dalla fauna ungulata.

La legge sulla caccia non va stravolta e ben venga l’avvio di un percorso di collaborazione tra agricoltura, mondo venatorio e ambientalista sulle politiche agrifaunistiche e
venatorie. Così si è espressa la Cia-Confederazione italiana agricoltori nel corso della conferenza stampa congiunta, oggi al Senato, tra le associazioni ambientalistiche,
agricole e dei cacciatori durante la quale è stata ribadita la contrarietà ad interventi che modifichino l’attuale normativa sulla caccia e presentato un Tavolo di
lavoro congiunto che individui e concerti elementi utili alla costruzione di un’attività venatoria sostenibile.

La Cia ha sottolineato che la sua è una partecipazione convinta al Tavolo di lavoro che avrà il merito di riaprire una riflessione sullo stato di attuazione della legge
quadro nazionale, la 157/92, sulla cui operatività, oggi, non è ancora possibile esprimere un giudizio compiuto, non essendo mai stata presentata in Parlamento alcuna
relazione.

In particolare, la Cia rimarca la forte preoccupazione per quanto riguarda i crescenti danni causati dalla fauna ungulata, che compromettono la possibilità stessa di fare
produzioni di qualità. Nello stesso tempo sostiene la necessità che vengano intraprese azioni più efficaci per il loro contenimento, consentendo piani di controllo
incisivi e l’autodifesa del produttore, come peraltro già previsto, ma non ancora attuato, nella legge quadro.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento