Capitan Findus in vendita

Capitan Findus in vendita

Sono in cinque a volersi ‘pappare’ i Bastoncini di Capitan Findus: tranci di merluzzo surgelato e impanato che da decenni riescono a convincere i ragazzini a mangiare pesce. E’ scaduto oggi
infatti il termine per la presentazione delle offerte su Findus Italia e sullo stabilimento di Cisterna di Latina dove si producono tutti i prodotti a brand Findus (oltre ai Bastoncini anche i ‘4
salti in padella’ e le zuppe di ‘That’s Amore’) attualmente di proprietà della multinazionale anglo-olandese Unilever.   

Sui nomi dei pretendenti non c’é ancora nulla di ufficiale né da parte Unilever né di Goldman Sachs, l’advisor incaricato della vendita. Restano comunque molto probabili i
nomi dei fondi di private equity Permira e Lion Capital mentre non sembra confermato l’interesse di un partner industriale fortemente voluto dai sindacati per rilanciare il marchio. Fra questi
nei giorni scorsi era circolato il nome di Nestlé.   

Il gruppo Permira ha già nel suo portafoglio i surgelati Birds e Eye Iglo acquisiti proprio da Unilever nel 2006 mentre Lion Capital è titolare del gruppo Findus (senza Findus
Italia) che è stato di proprietà Nestlé.   

Con la cessione di Findus Italia, Unilever esce dal settore dei surgelati in Europa e riduce il suo impegno in Italia nel settore alimentare. Il valore di Findus Italia viene calcolato tra i 500
e i 700 milioni. Lo stabilimento di Cisterna di Latina occupa 650 persone che salgono a circa 800 tenendo conto del personale incaricato delle vendite e dei 130 dipendenti degli uffici romani di
via Paolo Di Dono.   

La procedura di vendita vedrà la costituzione di una New.Co. Secondo alcune indiscrezioni l’operazione prevede la vendita del marchio e la cessione della gestione dell’unità di
Cisterna di Latina ai nuovi proprietari mentre Unilever manterrebbe la proprietà dello stabilimento (mura, macchinari ecc.).   

Oltre a Findus Unilever resta presente con i gelati Algida (Magnum, Carte d’Or), il té Lipton, i dadi Knorr, le marmellate Santa Rosa, la maionese Calvé. La multinazionale è
anche attiva nel settore dei prodotti della casa (i marchi più conosciuti sono Dove, Axe, Mentadent, Sunsilk, Clear, Cif, Coccolino, Lysoform, Svelto). Con la cessione dello stabilimento
di Cisterna scendono a quattro le unità produttive italiane di Unilever: Caivano (Napoli), Sanguinetto (Verona), Casalpusterlengo (Lodi) e Pozzilli (Isernia).   

Oltre ai bastoncini Findus e a ‘4 salti in Padella’ nello stabilimento pontino si producono anche le creme, le zuppe e i minestroni ‘That’s amore’. Sarebbero proprio queste linee di prodotti di
cucina pronta ad aver subito negli ultimi anni, a causa della crisi, la concorrenza di prodotti simili di marche meno prestigiose e distribuite nelle catene dei discount che offrono prezzi
decisamente più competitivi.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento