FREE REAL TIME DAILY NEWS

Calcio Cavarzere: un secolo di storia

By Redazione

Rovigo – In oltre 200 pagine corredate da foto, classifiche, personaggi e curiosità è stato raccolto un secolo di calcio cavarzerano e presentato questa mattina a Palazzo
Celio, «pur geograficamente e politicamente veneziana, la storia sportiva del paese «100 anni di calcio a Cavarzere 1907 – 2007» in molte occasioni – ha ricordato l’assessore
Tiziana Virgili – si integra e colloquia con quella bassopolesana, nei nomi, nei derby, nella vita di tutti i giorni».

Tre i curatori del volume: Enzo Salmaso, attuale assessore allo Sport, Duilio Avezzù e Francesco Viola che per mesi hanno setacciato archivi privati, redazioni di giornali e cercato nei
ricordi di amici ed ex giocatori.
«Un lavoro – ha precisato l’assessore Enzo Salmaso – che vogliamo dedicare a tutti coloro che ci hanno aiutato a scrivere una storia così importante e degna di essere
tramandata».

Le prime immagini partono dal dopoguerra. La fascia che cinge la fronte dei giocatori, il berretto al portiere e qualcuno con la retina per non «scompigliare» i capelli danno l’idea
di quegli anni pionieristici. Dal 1931 partono le prime classifiche e la cronaca comincia a farsi più precisa. Le foto da bianco e nero si colorano nel susseguirsi delle pagine come le
stesse divise dei giocatori. I campi non sono più aridi, compare il manto verde.Si arriva fino ai giorni nostrti.Una parte del testo è poi dedicata ai personaggi. Si apre con
Costante Mantoan un leader sin dalla giovanissima età che lascerà il segno in paese prima come giocatore e poi come allenatore. Un capitolo anche agli avvenimento, tanti.
«Espulso dall’arbitro lo mette k.o». Siamo nel 1966, quel direttore era Luigi Agnolin ed il giocatore era Egisto Broggio che sarà squalificato a vita.
Nell’album c’è anche Sergio Campana a Cavarzere nel 57 per un’amichevole col Vicenza, nell’80 l’amichevole col Milan e nel 97 con la nazionale militare. Nel 1999 non passa inosservata la
direzione di gara della prima donna arbitro Alessia Lazzaretto assistita dai fratelli. Il Gazzettino invia a Cavarzere Giuseppe Pietrobelli. Altri ricordi, foto e ringraziamenti non chiudono il
testo perchè «la storia continua».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: