Calabria: Si chiede Verità sulle navi cariche di rifiuti tossici affondate nei nostri mari negli anni ’80 e ’90:

Reggio Calabria: Fare luce sui misteriosi affondamenti di navi cariche di rifiuti tossici e radioattivi avvenuti nel Mediterraneo. E’ questo l’obiettivo
dell’Appello per la verità che Legambiente da Reggio Calabria rivolgerà domani al Governo per chiedere di assicurare i mezzi, le risorse e il massimo sostegno alla
magistratura per le indagini legate alle navi dei veleni.

Sono numerose, infatti, le imbarcazioni dal carico sconosciuto che negli anni ‘80 e ‘90 sono partite e sparite nel nulla lungo le coste dell’Italia Meridionale insieme
all’intero equipaggio. Sapere se e dove sono effettivamente affondate queste navi e cosa trasportavano è un diritto dei cittadini e un dovere delle Istituzioni.

Su queste vicende, oggetto di indagini giudiziarie, di attività d’inchiesta parlamentare, di dossier e reportage giornalistici, grava invece ancora oggi una sorta di
congiura del silenzio, tesa ad evitare o depistare gli indispensabili accertamenti. Ed è contro questa congiura che è nato il Comitato per la verità, costituito da
Legambiente lo scorso anno insieme a magistrati, giornalisti, esponenti politici, familiari di vittime, ambientalisti, impegnati nel combattere vicende legate al traffico illeciti di
rifiuti, che hanno deciso di sostenere le attività di indagine giudiziaria e giornalistica di contrasto alle ecomafie.

L’appello sarà presentato domani a Reggio Calabria nel Palazzo del Consiglio regionale della Calabria, in via Cardinale Portanova, nella sala “Giuditta Levato”
e verrà dedicato alla memoria del capitano di Corvetta Natale De Grazia, impegnato nelle indagini sugli affondamenti sospetti di navi lungo le coste italiane e morto in
circostanze misteriose. All’incontro parteciperanno Enrico Fontana, Responsabile Osservatorio Nazionale Ambiente e Legalità, Nuccio Barillà del direttivo nazionale
di Legambiente, Fabio Granata e Luigi De Sena vicepresidenti Commissione parlamentare Antimafia, Luciano Scalettari, inviato di Famiglia Cristiana e i magistrati Luciano Tarditi e
Francesco Neri.

“Abbiamo tutti un grande debito nei confronti del capitano Natale De Grazia e dei suoi familiari –dichiara Enrico Fontana, Responsabile Osservatorio Nazionale Ambiente e
Legalità – per la sua straordinaria esperienza all’insegna dell’amore per l’ambiente e per la legalità. Occorre fare piena luce sui traffici illegali di
rifiuti ai quali egli ha dedicato il suo impegno umano e professionale. Ed è per questo che chiediamo al Governo e al Palamento di accogliere le nostre richieste”.

“Vogliamo rilanciare – aggiunge Nuccio Barillà, del direttivo nazionale di Legambiente – la richiesta e l’impegno affinché si approdi quanto prima
alla verità sulle tante vicende legate all’intrigo radioattivo, caratterizzato da connivenze e reticenze a vari livelli e finanche morti misteriose. Sono vicende che come
una fiumara carsica periodicamente vengono in superficie per poi tornare nel dimenticatoio. Chiediamo misure serie ed immediate a tutela del diritto di sapere dei cittadini e per
scongiurare che nel futuro fatti come questi tornino a verificarsi”.

L’appello di Legambiente, aperto alla sottoscrizione di tutti, chiede nello specifico al Governo e al Parlamento il massimo sostegno alla magistratura nelle indagini ancora in
corso sia per gli affondamenti sospetti delle cosiddette navi dei veleni sia per i presunti traffici di materiale radioattivo; la realizzazione di una campagna di monitoraggio nei siti
marini dove si presume siano avvenuti gli affondamenti delle navi e dei loro carichi tossici; l’immediato avvio di progetti di cooperazione internazionale con la Somalia, al fine
di verificare l’eventuale seppellimento lungo la strada Garowe-Bosaso, di fusti e container di rifiuti pericolosi; l’immediata istituzione della Commissione
d’inchiesta sulla morte della giornalista Ilaria Alpi e dell’operatore Miran Hrovatin, affinché possa proseguire l’indispensabile approfondimento del contesto
in cui è maturato il loro omicidio.

Per tenere viva e ricostruire la memoria storica di queste vicende il “Comitato per la Verità” di Legambiente farà seguire a questa iniziativa la raccolta e la
pubblicazione di atti e documenti, come la recente pubblicazione del libro “Navi a perdere” di Carlo Lucarelli edito da Edizioni Ambiente per la collana VerdeNero curata con
Legambiente, sulle navi dei veleni e la vita di Natale De Grazia. Il Comitato non mancherà di sollecitare una maggiore attenzione da parte di organismi internazionali, che hanno
il dovere di contribuire all’accertamento di una verità che non riguarda soltanto il nostro Paese.

Leggi Anche
Scrivi un commento