BioFach 2011: “Il mercato tedesco dei prodotti biologici”, sunto dell’intervento di Christoph Soika al Seminario promosso da ICE e Buonitalia

BioFach 2011: “Il mercato tedesco dei prodotti biologici”, sunto dell’intervento di Christoph Soika al Seminario promosso da ICE e Buonitalia

Norimberga, 17 febbraio 2011, Pad. 4 stand di Buonitalia
Il seminario è un incontro importante per i produttori italiani che producono Bio.
Riproponiamo un sunto su autorizzazione di ICE/Buonitalia e del più autorevole conoscitore del mercato tedesco, l’autore e  relatore Dr. Christoph Soika, intervistato dalla Troupe
di Newsfood.com al termine del suo intervento e delle numerose domande poste dai presenti.

Ringraziamo: la d.ssa Simona Bernardini vice Direttrice dell’ICE di Dusseldorf – il Dott. Rodrigo Cipriani Foresio Presidente ed Amm. Delegato di Buonitalia e il Dr. Christoph Soika, Dipl.
oec, Univ. CSB Bio-Handel e CSC Consulting

Ecco il sommario dei temi trattati nel Seminario:

Opportunità di vendita per le piccole e medie imprese italiane
1) Presentazione Christoph Soika
2) Il biologico in Germania e nel confronto internazionale
3) La struttura del commercio alimentare al dettaglio
4) Le motivazioni di acquisto del consumatore biologico
5) Sviluppo della gamma biologica negli scaffali
6) Prodotti italiani con maggior potenziale di mercato
7) Aspetti da considerare prima dell‘entrata nel mercato
8) Suggerimenti per un ingresso di successo nel mercato
9) Discussione

Le vendite dei prodotti Bio saranno sempre più orientate ai canali GDO:

GDO:     1997 = 28% >>>  2002 = 35%  2010* >>> 59%

BFH:         1997 = 31% >>>  2002 = 26%  2010*>>> 22%

ALTRO     1997 = 41% >>>  2002 = 39%  2010* >>> 19%
(* dato stimato a causa della incerta situazione dati)

Consumo pro capite di alimenti biologici in Europa

Danimarca         ____________________________132
Svizzera         ______________________119
Liechtenstein     ________________84
Lussemburgo    ________________84
Germania        _____________71
Svezia        __________67
Italia        _____33

La struttura del commercio al dettaglio di prodotti biologici…
GDO: catene di negozi (autonomi, in gran parte indipendenti)

BFH: catene di negozi (in crescita, autonomi, di piccole dimesioni)

Nella voce “Altro” vengono considerati i negozi di specialità gastronomiche, ed erboristerie con commercio alimentare.

I protagonisti del commercio in Germania con il fatturato in Mrd. di Euro
 
EDEKA             39,6 Mrd.           
Rewe                26,2 Mrd.           
Schwarz Gr      22,2 Mrd.            
Aldi                       20,4 Mrd.           
 
Metro              11,9 Mrd.            
Lekkerland          7,8 Mrd.          
Globus                2,2 Mrd.         
Norma                2,0 Mrd.         
tegut…                0,990 Mrd.
dennree              0,385 Mrd.
Alnatura              0,380 Mrd.

I primi Supermercati biologici specializzati entrano nella classifica dei Top 30.
I piccoli punti vendita lottano quotidianamente per la sopravvivenza

Le più importanti catene del biologico a livello regionale in Germania:
● Ebl
● Füllhorn
● LPG
● Landmann´s
● Erdkorn

Potenziale del mercato biologico:
Fatturato potenziale del Biologico 13  Mrd. di Euro di cui ca. 80 %
GDO                            (10,5  Mrd.)  
 
Potenziale totale di crescita del mercato nei prossimi anni: + 120 %
La lunga strada: dalla “visione” alla “accettazione” del Bio.
ieri: l‘ambiente, benessere degli animali, salute
oggi: gusto/piacere, benessere/egoismo, stile di vita
domani: benificio aggiunto, alimentazione attenta, normalità dell‘offerta
I prodotti biologici diventano (sono) la normalità nell‘assortimento
Struttura dell’assortimento biologico negli scaffali nel futuro
               
 Prodotti italiani, possibilmente certificati, con buone opportunità di mercato in Germania:
– Formaggio self service o servito al banco
– Frutta e verdura; vendita sciolta
– Specialità di Miele
– Prodotti di pomodoro, conserve di segmento di prezzo d‘entrata
– Pasta; prezzo medio
– Pasta; Convenience non surgelato
– Condimenti
– Aceto e specialità di aceto
– Olive
– Prosecco, spumante
– Vino; specialità e prezzi di entrata
– Conserve di Verdura
– Biscotti salati e dolci

Aspetti da considerare prima dell‘entrata nel mercato:
Opportunità di vendita
– commercio all‘ingrosso, clienti chiave
– rifornimento diretto dei negozi; vendita a distributori regionali
rifornimento di negozi attraverso il   commercio all‘ingrosso (Assortimento di prodotti secchi – frutta e verdura – frigorifero: formaggio, prodotti latteocaseari, carne e salsicce
– TK Broker
rivenditori specializzati
 
Criteri importanti nella gamma di prodotti:
● Privat Label o marchio
● segmento di prezzo
● marchio Bio dell‘Associazione
● rafforzamento della fiducia
   sul valore aggiunto

Giuseppe Danielli
Newsfood.com
 

Leggi Anche
Scrivi un commento