Avanza il sistema tangenziale di Bergamo

Bergamo, 7 Gennaio 2007 – È stato aperto al traffico, questa mattina, l’ultimo tratto della superstrada Seriate-Nembro-Cene: la Seriate-Nembro e la tanto attesa galleria del
Montenegrone con il suoi 3,3 km di lunghezza, l’intera opera è stata consegnata da Anas alla Provincia di Bergamo, a cui da oggi compete la gestione.

Tra i numerosi presenti alla cerimonia di inaugurazione:

– Antonio Di Pietro, Ministro delle Infrastrutture
– Raffaele Cattaneo, assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia
– Monsignor Aldo Nicoli
– Valerio Bettoni, presidente della Provincia di Bergamo
– Bonaventura Grumelli Pedrocca, vicepresidente della Provincia di Bergamo
– Valter Milesi, assessore alla Viabilità e Protezione Civile della Provincia di Bergamo
– Felice Sonzogni, assessore alla Pianificazione territoriale della Provincia di Bergamo
– Roberto Chiorazzi, assessore agli Affari Generali della Provincia di Bergamo
– Emilio Mazza, presidente del Consiglio Provinciale
– Marco Pagnoncelli, assessore regionale all’Ambiente e i consiglieri provinciali bergamaschi
– I parlamentari Giovanni Sanga e Antonio Misiani
– Pietro Ciucci, presidente Anas
– Eutimio Mucilli, capo compartimento Anas della Lombardia
– I sindaci della Valle Seriana
– Gruppi di volontariato della Protezione Civile della Provincia di Bergamo

L’infrastruttura è lunga complessivamente 5,8 km ed è composta da un tratto di 5,3 chilometri, dallo svincolo di Pedrengo (sulla strada provinciale 69) sino allo svincolo di
Nembro (sulla strada provinciale 65) e da un tratto lungo 500 metri del lotto successivo, compreso tra lo svincolo di Nembro e lo svincolo di collegamento con via Acqua dei Buoi. La principale
opera ingegneristica del nuovo tratto è costituita dalla galleria Montenegrone, lunga 3.378 metri, dotata di 96 telecamere per la videosorveglianza e apparecchiature
tecnologiche all’avanguardia per il monitoraggio continuo, attraverso sensori.
All’interno sono inoltre presenti i più moderni impianti di illuminazione, di controllo atmosferico e controllo traffico, di sistema antincendio, di rilevazione incendi con cavo
termosensibile e 14 postazioni di richiesta soccorso SOS.
Il tronco tra lo svincolo di Pedrengo e lo svincolo di Nembro ha richiesto un investimento complessivo di circa 80 milioni di euro.

«Il grande progetto del sistema tangenziale di Bergamo si sta realizzando – spiega l’assessore alla Pianificazione territoriale e alle Grandi Infrastrutture, Felice Sonzogni -.
L’inaugurazione di oggi realizza – ad est – un ulteriore segmento che interessa l’area della Valle Seriana; sono in esecuzione – a ovest – i lavori sull’area della Valle Brembana e nel prossimo
futuro ci sarà – a sud – il completamento della tratta Zanica-Stezzano. Per quanto riguarda la Valle Seriana, entro quest’anno, con il miglioramento del nodo di Colzate e la conclusione
dei lavori della variante Clusone-Rovetta, anche l’Alta Valle Seriana guadagnerà considerevolmente sulla fluidità del traffico. Sarà possibile, in pratica, raggiungere le
estremità della Presolana e della Valle di Scalve in via diretta, evitando (e quindi, di fatto, liberando) i principali centri abitati della Valle Seriana. L’attivazione del Servizio
tramviario da Bergamo ad Albino permetterà alla Valle Seriana un ulteriore grande respiro, con riduzione del traffico, abbassamento dell’inquinamento e miglioramento della sicurezza dei
cittadini. Sia pure con i ritardi intervenuti rispetto ai tempi programmati e auspicati, non possiamo non guardare con soddisfazione ad un risultato complessivo di forti innovazioni che aprono
uno scenario di nuove prospettive per il mondo del lavoro, per la qualità della vita e per il settore turistico su tutta la Valle Seriana e la Valle di Scalve

«Finalmente siamo arrivati a inaugurare un’opera attesa da 30 anni – ha commentato l’assessore alla Viabilità della Provincia, Valter Milesi – . È negli auspici di tutti che
possa servire finalmente a decongestionare il traffico da e per la Valle Seriana e al rondò delle Valli. Come Provincia ci impegneremo a gestire al meglio questa nuova opera, soprattutto
dal punto di vista della sicurezza. In questo senso, la Provincia ha realizzato un opuscolo pieghevole in cui vengono indicate le principali nozioni riguardanti la velocità e i
comportamenti da mettere in atto in caso di incidente in galleria».

«Con questo importante e atteso intervento – conclude il Presidente della Provincia, Valerio Bettoni – si realizza la prima parte del grande sistema tangenziale di Bergamo, che
consentirà la percorrenza di tutta la dorsale della Valle Seriana sino al casello autostradale di Seriate senza intersezioni né incroci semaforizzati. Avremo sicuramente dei
benefici sull’attuale circonvallazione di Bergamo, in particolare per il traffico pesante, che si convoglierà direttamente sul grande sistema autostradale, senza appesantire la
viabilità urbana. Mi piace ricordare che gli investimenti complessivi sulle strade bergamasche per i prossimi cantieri ammontano alla considerevole cifra complessiva di 1 miliardo e 700
milioni di euro, 600 dei quali sono a carico della Provincia».

Con l’inaugurazione di oggi si chiude il lungo percorso che ha portato alla realizzazione da parte di Anas, della superstrada Seriate-Nembro-Cene, lunga complessivamente 18 chilometri.
Il primo tratto, da Nembro ad Albino (Cupola) era stato aperto al traffico a 12 gennaio del 2007; il secondo tratto, Albino-Cene, il 1° giugno 2007.

Leggi Anche
Scrivi un commento