Associazioni: «Manifesto per la governabilità»

Le associazioni d’impresa ritengono che «una riforma della legge elettorale sia un passaggio obbligato nell’interesse del paese e nell’interesse di chi sarà chiamato a
governarlo» con altrettanta chiarezza sono convinte che «la necessità di scrivere poche regole del gioco non può essere un pretesto per perdere tempo, per allungare le
liturgie della crisi o per riaprire un confronto in cui ogni giorno si ricominci da capo». E’ quanto affermano le associazioni di impresa Casartigiani, Confagricoltura, Confartigianato,
Confcommercio, Confcooperative, Confesercenti, Confindustria, Cna e Lega delle Cooperative.

«Chiediamo – afferma il presidente Confesercenti Marco Venturi – un’assunzione di responsabilità, per assicurare stabilità e per cambiare l’attuale legge elettorale. Le
modifiche devono assicurare, inoltre, la possibilità di scelta degli eletti da parte degli elettori».
Le associazioni esprimono poi «forte preoccupazione per il quadro economico internazionale in netto peggioramento». «Con gli attuali prezzi di gas e petrolio e con un euro
drammaticamente sopravvalutato rispetto al dollaro, l’Italia rischia un 2008 vicino alla crescita zero», osservano, sottolineando come «gli sforzi delle imprese, che continuano a
diversificare i mercati, a innovare prodotti e processi, vengono minacciati anche dai danni all’immagine internazionale del Paese».

In questa situazione, proseguono, «la richiesta di andare subito al voto e’ legittima e comprensibile. E certamente nella situazione in cui ci troviamo e’ giusto dare la parola ai
cittadini». Le associazioni d’impresa ritengono però che «con l’attuale legge elettorale, senza preferenze e con liste preconfezionate, la scelta degli eletti sarebbe tutta
nelle mani delle segreterie dei partiti. E anche grazie agli attuali regolamenti parlamentari, si riprodurrebbero alleanze pronte a frantumarsi il giorno dopo per gli interessi egoistici di
tanti micropartiti dotati di poco consenso ma di grandi e inaccettabili poteri di veto.

Leggi Anche
Scrivi un commento