Apicoltura Casentinese cresce nel 2009 nel canale GDO ed export

Apicoltura Casentinese cresce nel 2009 nel canale GDO ed export

Si è chiuso superando quota 15 milioni di euro il giro d’affari di Apicoltura Casentinese nel 2009, registrando un trend di crescita a tassi di due cifre. Un risultato più che
ragguardevole – nonostante la crisi economica generalizzata – e nettamente superiore alla media generale del settore: i dati di mercato indicano infatti un trend nel 2009 per il mercato del
miele del 10% a valore e di circa il 5% a volume rispetto all’anno precedente.

I best seller dell’azienda – che da sempre punta sul prodotto italiano – sono state le tre linee Selezione Italiana, Selezione Regionalee Bio, oltre ai mieli speciali della linea gastronomia
per abbinamenti con formaggi e carni. “Abbiamo avuto ottimi riscontri – spiega il direttore commerciale Vincenzo Giummarra- anche dalle monoporzioni in blister quadrato da 4 vaschette, che
occupano meno spazio a scaffale rispetto alle altre classiche confezioni”.

A determinare il buon andamento delle vendite ha contribuito anche il rinnovo del packaging, reso più moderno e distintivo: un vaso in vetro da 350 grammi con la capsula alta che ricorda
i prodotti per la prima colazione e soprattutto l’etichetta trasparente, che permette di verificare visivamente l’omogeneità e i colori caratteristici di ogni prodotto. Gli ottimi
risultatidi bilancio sono daricondurre infine anche alla produzione di private labels, che incidono per il 40% sul fatturato complessivo e rappresentano storicamente un’area di business
importante per l’azienda.

I piani di sviluppo del 2010

Il 2010 vedrà l’azienda impegnata nello sviluppo di attività di co-marketing con aziende nell’area della prima colazione. “Vogliamo dare ulteriori opportunità di vendita al
trade – sottolinea Giummarra – al di là del classico volantino promozionale di taglio prezzo. Al momento pochi distributori infatti si impegnano nel comunicare le novità e 
nel dare impulso alle vendite di questi prodotti  con spazi dedicati o con speciali comunicazioni sui plus di prodotto. Eppure – aggiunge Giummarra – il successo di quei retailers che,
oltre a puntare sul prodotto italiano hanno creduto nell’opportunità di diversificare i formati e l’offerta in generale dimostra che è possibile ottenere migliori performance
commerciali”.

Apicoltura Casentinese

Specializzata nel settore dei prodotti apistici e loro derivati, sin dalla sua fondazione nel 1982 Apicoltura Casentineseha sempre avuto come linee guida la qualità del prodotto e
l’attento controllo della filiera, grazie all’intenso lavoro dei tecnologi alimentari del laboratorio interno. Forte anche di un patrimonio apistico costituito da oltre 2.500 alveari
certificati biologici AIAB, che vengono spostati dalle Valli della Calabria ad una ampia fascia dell’Italia Centrale e dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi (Ar) al Parco Naturale della
Maremma.

APICOLTURA CASENTINESE s.r.l

Via dell’artigiano, 10-12 – Zona Ind. Ferrantina
52012 Bibbiena (AR) Italy
Telefono: 0575 536494
Fax: 0575 536029
E-mail: info@apicolturacasentinese.com
www.apicolturacasentinese.com

Leggi Anche
Scrivi un commento