Amorim Cork Italia continua la sua campagna per il riciclo dei tappi in sughero

Amorim Cork Italia continua la sua campagna per il riciclo dei tappi in sughero

Conegliano
(TV)
– La raccolta di tappi in sughero promossa da Amorim Cork Italia raggiunge quota 8 tonnellate. Cresce
in continuazione l’entusiasmo nei confronti dell’ambizioso progetto “Etico” per il riciclo dei preziosissimi tappi in sughero, solitamente gettati nella
spazzatura indifferenziata.

Cosciente del grande valore economico ma anche sociale ed ambientale di questa materia prima dalle straordinarie proprietà, Amorim Cork Italia che ha ideato e lanciato il progetto nel
giugno 2011, continua il suo impegno cercando sempre nuovi partner e soluzioni per attivare circoli virtuosi di solidarietà e sostenibilità efficienti e ben radicati sul
territorio.

Per ogni tonnellata di tappi raccolti 1000 euro vengono donati alla società civile tramite le onlus che sono parte attiva della raccolta e destinatarie finali del ricavato dalla vendita
dei tappi. L’azienda trevigiana specializzata in bioedilizia, Eco Profili, acquista il sughero a 600 euro a tonnellata, i restanti 400 euro li mette Amorim Cork Italia. Il tutto funziona grazie
alla collaborazione delle onlus che diffondono e promuovono la raccolta sul territorio di competenza e grazie anche agli enti per la raccolta dei rifiuti aderenti all’iniziativa, come la
trevigiana Savno e la veronese Amia.

Questo è il modello vincente che si sta diffondendo gradualmente sul territorio, dal Veneto alla Lombardia al Piemonte e a breve anche in altre regioni. Un modello che può essere
esportato ovunque ci sia la sensibilità da parte di qualche realtà della società civile.

Tra i nuovi aderenti al progetto Etico: Amia, l’ente che gestisce i servizi di igiene urbana nel veronese che si aggiunge a Savno, ente di gestione rifiuti del Veneto Nord Orientale, i
sommelier F.I.S.A.R. del Nordest e quelli dell’AIS Veneto, le cantine del Veneto, quelle aderenti al Consorzio del Chianti Classico e i Vignaioli Piemontesi, AGIVI, la cantina siciliana
Donnafugata, la manifestazione trevigiana “Primavera del Prosecco”, la Mostra dei Vini di Corno di Rosazzo (UD), Eataly e Eat’s.

Tra le onlus la “Fondazione Oltre il Labirinto” “A braccia aperte”, la cooperativa Estia del Carcere di Bollate (MI), Le.Viss. (Leucemia Vissuta), Libera! e la cooperativa sociale I Tigli 2.

IL VALORE DEL SUGHERO

Quello che non tutti sanno è infatti che il sughero è ricavato dalla corteccia di una quercia (Quercus suber) che vive solo ed
esclusivamente nell’area del Mediterraneo, in particolare Portogallo, Spagna, Francia, Italia (Sardegna) e nord Africa.

Le foreste da sughero sono un habitat naturale per numerosissime specie animali e vegetali che in sua assenza rischierebbero l’estinzione, sono una preziosa opportunità lavorativa per
gli abitanti delle zone interessate e sono anche una vera e propria barriera contro l’avanzare del deserto.

L’attività della decortica, poi, non è – come pensano alcuni – dolorosa per la pianta, anzi. Come avviene con la tosatura di una pecora, la corteccia viene separata dalla pianta
senza intaccarne la sopravvivenza e piuttosto rinforzandone il vigore per la produzione di altro sughero.

Infine le foreste da sughero del Mediterraneo, sviluppate in un’area di 2,2 milioni di ettari, sono in grado di assorbire più di 14 milioni di tonnellate di C02 ogni anno.

La preferenza per i tappi in sughero al posto delle alternative in plastica, alluminio o vetro, non è quindi solo una questione di scelte di packaging, ma di salvaguardia di una risorsa
naturale troppo preziosa da gettare nella spazzatura e che può avere una miriade di applicazioni di riciclo, dalla bioedilizia al design.

SAVE MIGUEL

Amorim Cork Italia ha intrapreso nuove iniziative in continuità con il progetto pilota di raccolta di tappi in sughero “Tappo a Chi?” che nel
Comune di Valdobbiadene, in collaborazione con Rilegno, Consorzio per i servizi di igiene del territorio (CIT) e Savno (Servizi Ambientali Veneto Nord Orientale), ha raccolto nel corso del 2010
più di una tonnellata di tappi, cifra significativa per una piccola cittadina come Valdobbiadene.

Già nel 2009 l’azienda aveva dato eco in Italia alla campagna internazionale promossa dal Gruppo Amorim “Save Miguel” che promuoveva attraverso
diversi strumenti di comunicazione la tutela delle sugherete e la preferenza per i tappi in sughero.

Testimonial d’eccezione il famoso attore, sceneggiatore, cabarettista hollywoodiano Robert Schneider, protagonista di un divertente video sull’argomento,
sottotitolato in italiano, visibile su Youtube e già cliccato da centinaia di migliaia di persone.

La causa è tuttora presente anche su Facebook con un gruppo di sostenitori e su Flickr. Ma non solo, visitando il sito www.savemiguel.com si potrà adottare virtualmente una
quercia da sughero ed entrare nella grande community della campagna, amica dell’ambiente.

AMORIM AZIENDA VERDE a 360°

L’attenzione di Amorim per l’ambiente non è però solo rivolta all’impegno per il riciclo dei tappi, ma è incarnato anche da
un’attenta politica di sostenibilità aziendale che coinvolge il packaging dei prodotti. Già da tempo i bancali in legno utilizzati dall’azienda sono certificati PEFC e di recente
sono stati introdotti, insieme al nuovo packaging, anche i cartoni certificati FSC.

A questo si aggiunge anche una importante riduzione della quantità di plastica impiegata negli imballaggi dei bancali, il cui film è stato ridotto da uno spessore di 35 micron a 9
micron per un totale di 120 gr a bancale a fronte dei precedenti 720 gr.

A breve verranno utilizzati poi anche i sacchi per imballaggio dei tappi in materiale biodegradabile (attualmente in fase di sperimentazione) e persino i sacchetti di plastica per i campioni di
tappi per i clienti lo diventeranno.

Ma la politica aziendale di ecosostenibilità non finisce qui: l’agenzia che fornisce l’energia allo stabilimento (Optima) dichiara che essa proviene esclusivamente da fonti rinnovabili.

Un’attenzione all’ambiente che non può non tradursi anche in un occhio di riguardo per il mondo equosolidale: tutti i distributori automatici dell’azienda sono stati riforniti con
prodotti di “Altromercato” soggetto guida, a livello nazionale ed internazionale, nella promozione e nella realizzazione di iniziative di economia
solidale per l’autosviluppo dei popoli, contadini e artigiani soprattutto nel Sud del mondo.

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento