Alla Fiera dell’Agroalimentare di Parigi successo per i prodotti marchigiani

 

Pasta, piadina, olio e vino marchigiani, sono stati al centro dell’interesse internazionale per la manifestazione fieristica dell’agroalimentare SIAL 2008 che si è
svolta a Parigi al «Parc des Exposition di Villepinte».

Diciassette aziende della Regione Marche hanno infatti aderito alla collettiva organizzata dall’ICE con l’esposizione di un’ampia varietà di prodotti di
qualità del territorio, dai vari tipi di pasta – di Campofilone, dietetica per celiaci e diabetici – ai vini e olio, alle conserve e prodotti ortofrutticoli, succhi di frutta,
miele, dolci, prodotti per l’industria dolciaria, caffé, salumeria fino al tartufo.

«Ancora una volta le Marche, grazie all’elevata qualità dei prodotti dell’agroalimentare – ha detto il vicepresidente della Regione, Paolo Petrini – si sono
distinte sullo scenario internazionale. Grande la soddisfazione per l’esito dell’evento che si è appena concluso a Parigi e che dà vita ad una serie di
contatti importanti per continuare a restare al centro dell’interesse sul mercato mondiale».

Il padiglione marchigiano è stato visitato dal Presidente dell’ICE, l’Ambasciatore Vattani, dal ministro dell’Agricoltura francese, Michel Barnier, e dal
ministro dell’Agricoltura italiano, Luca Zaia, che si è intrattenuto a lungo. Numerosi i compratori e buyer provenienti da ogni parte del mondo, prevalentemente
dall’America, dall’est Europa e dall’Africa. 

La manifestazione è una tra le più importanti in Europa per il settore agroalimentare, registra la presenza di circa il 75 per cento di espositori internazionali e i
visitatori provengono da 190 Paesi. Diciannove le filiere produttive identificate che si distribuiscono nei sei padiglioni della fiera.

Dai riscontri ottenuti nei primi giorni dell’evento, che per la prima volta è stata aperto anche nella giornata di domenica, l’esito è molto positivo sia per
il livello dei contatti che sono scaturiti, che per la posizione, ben visibile, degli stand degli espositori marchigiani.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento