Al via la bretella di Parè

Treviso – “Oggi presentiamo il progetto definitivo della bretella di Parè, un’opera importante attesa da diversi anni dal territorio. Risale a 7 anni fa l’accordo di programma con
il Comune di Conegliano, che prevedeva in generale una serie di operazioni di riqualificazioni urbanistiche – ha dichiarato il presidente, Leonardo Muraro.

Questa strada avrà il pregio di regolare i flussi di traffico dal basso feltrino al Casello di S. Vendemiano dell’A 27. Tra le opere viarie in corso, direttamente collegate alla
bretella, è in fase di esecuzione anche il terzo stralcio della tangenziale di Pieve di Soligo – Ponte sul Fiume Lierza, che verrà concluso tra aprile e maggio. Questa strada,
nonostante sia essenziale per la vivibilità della località di Parè, ha avuto una gestazione travagliata. Solo la Conferenza di Servizi del 31 agosto 2007 ha dato la sua
approvazione al progetto. L’opera era partita da una spesa di circa 4 miliardi delle vecchie lire ed è arrivata ad oggi a circa 12 milioni e mezzo di euro. Finalmente i cittadini della
località interessata potranno usufruire maggiormente dello spazio urbano” ha concluso Muraro.

“Dopo tanto tempo la Conferenza di Servizi ha chiuso un passo importante dell’iter: l’approvazione del progetto definitivo. Ora il prossimo sarà l’approvazione da parte dei Comuni
interessati dalla strada, che dovranno di conseguenza armonizzare lo strumento urbanistico comunale. Presumibilmente per fine febbraio dovremmo avere il riscontro da parte della Amministrazioni
comunali interessate. Possiamo affermare senza problemi che il progetto, nonostante sia stato più volte modificato, ora sia vicino alla perfezione. E’ certamente un segno di
civiltà e di sensibilità ambientale-architettonica l’aver salvato la ‘ghiacciaia’ di Villa Gera, con il conseguente spostamento della grande rotatoria in corrispondenza della SS
13. Sono state introdotte, inoltre, delle opere di mitigazione per inserire la strada nel contesto paesaggistico, nonché prevedere idonee protezioni per il rispetto dell’inquinamento
acustico. Per il passaggio nell’ansa del torrente Crevada sono stati effettuati approfondimenti paesaggistici e verificato l’inserimento dell’opera nel contesto esistente. Ora è da
sperare che le prossime procedure si velocizzino” così ha commentato il vice presidente provinciale, Floriano Zambon.

Il sindaco di Conegliano, Alberto Maniero ha ricordato come questa sia un’opera strategica per una località che attualmente riceve tutto il traffico da nord lungo la sp 38: “Noi
cercheremo senza alcun dubbio di stringere i tempi per quanto riguarda la variante urbanistica e iniziare la riorganizzazione della grande viabilità della cintura sud di Conegliano.
Prossimo step sarà la tangenziale sud di Conegliano” Il sindaco di S. Pietro di Feletto, Maria Assunta Botteon, ha sottolineato come questo sia “un progetto condiviso. Determinante per
la buona riuscita dell’iter la collaborazione tra gli Enti interessati. Vorrei sottolineare come stiamo lavorando egregiamente con la Provincia.” Infine il sindaco di Susegana, Gianni Montesel
ha detto che nonostante la strada “interessi il comune di Susegana solo per poche decine di metri, l’opera è comunque importante per quanto riguarda la viabilità generale
dell’area. Questo progetto ha il pregio di rispettare l’aspetto storico e ambientale della zona.”

Fra gli obiettivi primari della Provincia di Treviso rientra la realizzazione di interventi finalizzati alla riduzione del deficit infrastrutturale e funzionale della viabilità nel
proprio territorio al fine di garantire maggiore sicurezza per la circolazione e migliorare la mobilità nei centri urbani ed extra urbani.
La variante alla SP 38 “F.Fabbri”, ricandente nel territorio dei Comuni di Susegana, S. Pietro di Feletto e Conegliano, offre una valida alternativa agli itinerari Nord/Est – Sud/Ovest della
territorio provinciale oramai congestionati dal traffico sempre più intenso, in particolare all’asse portante rappresentato dalla SS 13 “Pontebbana” e dai collegamenti alla medesima
statale ed al casello autostradale A27.
E’ stato, pertanto, avviato uno studio dei flussi di traffico sugli itinerari inseriti negli strumenti di pianificazione a livello provinciale comunale per addivenire ad una proposta
viabilistica adeguata alla richiesta ed ai territori coinvolti comprendente inoltre il by-pass del centro abitato della frazione di Parè. La soluzione per la variante alla SP 38 prevede
un tracciato di circa 2 KM in sede propria che si raccorda alla sede storica mediante una cella di circolazione a senso unico, utilizzabile anche per alcuni insediamenti produttivi limitrofi.
Il progetto prevede la realizzazione di due rotatorie poste una allo svincolo con la strada comunale via Einaudi ed una allo svincolo sulla SS 13, in posizione decentrata rispetto alla statale
medesima per salvaguardare il parco di “Villa Gera”. E’ prevista la realizzazione di una pista ciclabile per by passare tale rotatoria. Il nuovo tracciato viene interessato dalla presenza dei
manufatti per il superamento dei torrenti Crevada e Valbona e dallo sfalsamento dei livelli stradali in corrispondenza dello svincolo con la SS 13. Per garantire la continuità dei corsi
d’acqua esistenti è prevista la realizzazione di due ponti sul torrente Crevada, l’adeguamento di un ponte sul torrente Valbona nonché la realizzazione di sottopassi per la
deviazione della viabilità di accesso alle campagne senza interferenze con la nuova viabilità. Particolare cura è stata tenuta per le mitigazioni ambientali, peraltro
concordate con la Soprintendenza Architettonica di Venezia, sia per quanto riguarda i ponti sul Crevada che per la protezione degli edifici esistenti lungo la nuova viabilità. Altro
punto di particolare attenzione, a cui il progetto si è dovuto rapportare, attiene alla verifica dell’inquinamento acustico che la nuova viabilità genera. Dallo stesso studio si
è riscontrato si un aggravio delle aree limitrofe, peraltro necessario per inserire le occorrenti opere di mitigazione (barriere fonoassorbenti ed arbustive), ma un netto miglioramento
dell’intero quartiere di Parè attualmente attraversato da una strada di notevole traffico veicolare.

Il quadro riassuntivo di spesa dei lavori assomma a ? 12.480.000,00 di cui ? 6.700.000,00 per lavori, ? 2.080.000,00 per lo spostamento della condotta Snam, che attualmente corre i
corrispondenza del tracciato stradale, ? 1.040.000,00 per acquisizione delle aree e la rimanenza per somme a disposizione dell’Amministrazione quali Iva, spese tecniche, imprevisti ecc. Il
progetto nella sua completezza rispetta le principali norme vigenti in materia di leggi statali e regionale, norme CNR, legislazione sulla sicurezza ed illuminazione stradale, nonché
sulla nuova disciplina espropriativa.

Leggi Anche
Scrivi un commento