Al via i due centri di eccellenza in Toscana sulle energie rinnovabili

Firenze – Prende ufficialmente il via l’attività dei due centri di eccellenza e ricerca sulle energie rinnovabili di Larderello e Monterotondo Marittimo, in provincia di
Pisa e di Grosseto, situati nel distretto geotermico più importante d’Italia e uno dei primi al mondo.

Domani, venerdì 7 marzo, saranno il presidente della Regione Toscana e l’assessore regionale all’ambiente e all’energia ad inaugurarli. Il programma della giornata prevede alle 10.00 a
Larderello presso il Cegl(Centro di eccellenza della geotermia di Larderello) la presentazione della prima struttura, l’unica del genere esistente in Italia. Dopo il saluto del sindaco di
Pomarance sono previsti gli interventi dell’assessore regionale all’ambiente e all’energia, quello del responsabile operativo del centro, Francesco Rizzi, di Alessando Sbrana, ordinario di
geochimica e vulcanologia dell’Università di Pisa, di Adele Manzella, ricercatrice dell’istituto di geoscienze e georisorse del Cnr di Pisa e di Marco Frey, ordinario di economia e
gestione delle imprese della scuola superiore S. Anna di Pisa.

Alle 15.00 a Monterotondo Marittimo sono in programma l’inaugurazione e la presentazione del Citt (Centro internazionale per il trasferimento dell’innovazione tecnologica sulle energie
rinnovabili) e il dibattito su «Obiettivo 20-20-20 entro il 2020. Sogni e bisogni di energia pulita. Rinnovabili: una sfida per l’Italia» presieduto da Gianni Silvestrini, direttore
scientifico del Kyoto club, a cui parteciperanno il presidente della Regione e l’assessore regionale all’energia insieme a Piero Ceccarelli, presidente del Cosvig, il Consorzio per lo sviluppo
delle aree geotermiche e Sergio Chiacchella coordinatore del distretto per le energie rinnovabili. Nel corso dell’iniziativa saranno assegnati i premi «Energeo, energia made in
Tuscany».

Tiziano Carradori

Leggi Anche
Scrivi un commento