Al via «Edison – Change the Music»

Milano – Ogni anno in Italia si svolgono circa 50000 manifestazioni musicali (esibizioni nei grandi Club, concerti nei palazzetti, festival all’aperto), producendo circa 45000
tonnellate di CO2, queste emissioni sono equivalenti a quelle generate da 6000 famiglie medie italiane (prendendo in esame una famiglia composta da 3 persone) con i suoi consumi (7,5 tonnellate
di CO2 annue a famiglia), ovvero alle emissioni di 22500 auto che percorrono ciascuna 10000 km (stime Direzione Ricerca&Innovazione, Edison).

Per ogni evento musicale di piccole-medie dimensioni (circa 5.000 persone), un approccio sostenibile che preveda ad esempio l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili per gli impianti elettrici
e di illuminazione, mobilità collettiva e car pooling invece dello spostamento in autovettura personale, materiale promozionale stampato su carta riciclata, può ridurre le
emissioni di Co2 di circa il 75% passando da emissioni medie di oltre 100 tonnellate di CO2 a circa 26.

E’ questo lo scenario in cui Edison, operatore leader nel settore dell’energia elettrica e del gas, lancia «Edison – Change the music», il primo progetto italiano per sviluppare la
cultura della sostenibilità e del risparmio energetico nella musica. Attraverso tre iniziative – Community, Green Music Book e Contest – coinvolge tutti gli ambiti di attività nel
settore musicale dalla organizzazione e promozione degli eventi, agli studi di registrazione, alla logistica e mobilità nei luoghi di esibizione, alla gestione dei rifiuti. Attraverso
questo progetto, Edison, intende rafforzare il proprio impegno nella sostenibilità ambientale estendendo la propria esperienza nelle iniziative in questo campo a settori particolarmente
sensibili come quello musicale. L’obiettivo di Edison, supportato dall’adesione di importanti artisti, case discografiche, organizzatori di eventi, promoter musicali e media, è quello di
ottenere risultati concreti e misurabili in termini di risparmio energetico e riduzione dell’impatto ambientale attraverso la musica e tutte le sue manifestazioni.

Edison – Change The Music intende raccogliere, diffondere e moltiplicare le testimonianze e i consigli degli artisti, degli operatori, dei consumatori e dei fruitori di musica che intendono
minimizzare i consumi energetici e dunque i relativi impatti ambientali ma anche economici della musica. «Il risparmio e l’efficienza energetica sono leve fondamentali su cui agire per la
lotta ai cambiamenti climatici», ha dichiarato Andrea Prandi, Direttore Relazioni Esterne e Comunicazione di Edison. «Edison ha deciso di passare dalle parole ai fatti e questo
progetto ne è la dimostrazione: è necessario agire in tutti gli ambiti della vita quotidiana per dare un contributo concreto al raggiungimento degli obiettivi che anche l’Europa
si è prefissata in questo campo. Abbiamo scelto la musica perché è un canale universalmente riconosciuto come capace di aggregare e diffondere, grazie anche alla potenza di
Internet, messaggi positivi come il risparmio energetico».

Il progetto si sviluppa attraverso tre iniziative:
Community: uno spazio dedicato su Internet (www.myspace.com/edisonchangethemusic) dove chiunque può aderire ai
principi del progetto e trovare consigli e informazioni tecniche sul risparmio energetico nella musica. I partecipanti possono arricchire il programma con i propri spunti e suggerimenti per
ridurre l’impatto ambientale mentre si fa musica o la si ascolta. Le proposte ricevute verranno valutate negli aspetti tecnico/scientifici dagli esperti della Direzione Ricerca e Innovazione di
Edison.

Green Music Book: una guida «in divenire» sul risparmio energetico e la riduzione delle emissioni nella musica. Nella fase iniziale, «Edison – Change The Music» propone
alcuni suggerimenti di base che poi saranno alimentati dai partecipanti della Community. La guida sarà aggiornata in tempo reale sul sito Internet, per poi essere raccolta in un vero e
proprio book al termine della prima stagione del progetto.

Contest: un concorso dedicato ai giovani musicisti, ovvero gli artisti emergenti non ancora impegnati da un contratto discografico. Chiunque, band o singoli, potrà inviare attraverso
www.edisonchangethemusic.it (attivo dal 21 marzo) la propria candidatura insieme all’adesione ai principi del progetto e ai
suggerimenti per lo sviluppo del Green Music Book. I brani saranno selezionati da una Giuria guidata da Roy Paci e composta da alcuni dei più rappresentativi artisti ed operatori del
settore musicale italiani.

Tra tutti i partecipanti al Contest, verranno preselezionati 9 artisti emergenti che potranno esibirsi live all’interno della manifestazione «Edison – Change The Music» durante
l’estate 2008 in tutta Italia. Gli artisti emergenti prescelti si esibiranno, a gruppi di 3, presso le località dove Edison è storicamente presente. Il calendario, in via di
definizione, coinciderà con la tradizionale manifestazione «Centrali Aperte» con la quale ogni anno Edison invita le comunità locali a visitare i propri siti
produttivi.

A fine estate, i 3 finalisti di ogni live si esibiranno a Milano in un concerto organizzato da Edison insieme a special guest. In quest’occasione, l’organizzazione dell’evento musicale
adotterà il maggior numero possibile di comportamenti e di soluzioni tecniche a favore del risparmio energetico e del rispetto ambientale emersi dalla Community su MySpace e dallo
sviluppo del Green Music Book. Ad oggi il progetto ha già raccolto l’adesione di un ampio gruppo di artisti e operatori del settore musicale tra cui: Marco Alboni (Deputy Managing
Director EMI Music Italy Spa – General Manager Capitol Music), Giuseppe Bergamini (Discografico Universal), Alioscia Bisceglia (Voce dei Casino Royale e Responsabile Area Musica di All Music),
Pietro Camonchia (MetatronGroup, Management Linea 77, Casino Royale, Negramaro), Max Cantù (Bagana Records S.r.l.), Roberto Ciucci ( Live S.r.l.), Carlo Croci (Coordinatore Editoriale ed
Area Web di Maxim), Andrea » Briegel» Filipazzi (Ritmo Tribale), Barbara Giovinazzo (Mallory Management), Dino Lupelli (Fondazione Arezzo Wave, Associazione Culturale Elita), Mondo
Marcio, Daniel C. Marcoccia (Direttore di Rock Sound, Rock Star, Groove), Nick «TheNightFly» (Radio Monte Carlo), Roy Paci, Gianluca Perrelli (Kiver S.r.l.), Red Ronnie.

Leggi Anche
Scrivi un commento