Acqua: domani manifestazione degli agricoltori siciliani

Le disfunzioni, l’ignavia amministrativa e il non governo della gestione delle acque per usi agricoli che caratterizzano l’operatività del Consorzio di Bonifica Palermo 2, hanno portato
a uno stato di esasperazione migliaia di agricoltori del comprensorio irriguo Jato che domani mercoledì 11 giugno dalle ore 9:00, manifesteranno presso la stazione di sollevamento Jato,
in territorio del comune di Partitico per scongiurare la perdita delle coltivazioni a causa della mancata erogazione dell’irrigazione di soccorso.

La mobilitazione che la Cia Sicilia ha promosso ha visto in queste settimane la partecipazione alle assemblee di centinaia e centinaia di agricoltori che oltre a rivendicare interventi urgenti
e necessari a superare le strozzature e le disfunzioni amministrative che non permettono l’irrigazione di oltre 3.000 ettari di superficie agricola, rivendica, anche, l’attuazione di un
progetto di ammodernamento della rete di distribuzione idrica che ha raggiunto ormai uno stato di totale degrado e fatiscenza.

Gli interventi urgenti che con la manifestazione si sollecitano sono atti classificabili tra quelli di ordinaria amministrazione per un Consorzio di Bonifica. Essi, infatti si riferiscono alla
fornitura delle attrezzature, mezzi e materiale da mettere a disposizione degli operai già assunti, nelle settimane scorse, dal Consorzio di Bonifica per riparare le centinaia di perdite
presenti nella rete di distribuzione e la manutenzione delle pompe di sollevamento. Questi adempimenti. Però. non sono stati, e tutt’ora non vengono, attuati né
dall’Amministratore straordinario del Consorzio né dall’Assessorato regionale all’agricoltura lasciando, quindi, migliaia di agricoltori -sottolinea la Cia regionale- nella più
totale incertezza e perpetrando una situazione di sperpero in quanto gli operai assunti per la manutenzione vengono pagati senza che questi possano effettivamente svolgere il loro lavoro.

Leggi Anche
Scrivi un commento