Tutela delle falde e gestione dell'acqua in Toscana

Firenze – L’inquinamento delle falde idriche, la gestione della risorsa acqua e la prevenzione e la tutela della salute dei cittadini, questi i temi che saranno al centro del seminario
«Tutela delle falde idriche in Toscana: un obiettivo e un progetto di lavoro», che si terrà domani, venerdì 6 giugno, a Lucca, presso la Sala Maria Luisa, al Palazzo
Ducale, sede della Provincia, a partire dalle 9:30.

Organizzato dalla Acque industriali, società del gruppo Acque srl, con il patrocinio, fra gli altri, della Regione Toscana, della Provincia di Lucca, del Comune di Capannori e di
Assindustria Lucca, l’incontro vedrà la partecipazione, accanto agli amministratori regionali e locali, di tecnici e professionisti legati al settore idrico, sia pubblico che privato:
architetti, geologi, ingegneri, geometri, periti industriali, progettisti e aziende, insieme per aggiornare le proprie competenze professionali e per confrontarsi sulle strategie più
adeguate per prevenire i danni legati alla specificità del territorio.

In particolare si affronterà il problema della gestione dei serbatoi interrati e abbandonati e della valutazione del rischio derivante dal loro abbandono. E’ la prima volta che viene
impostato un lavoro preventivo in modo congiunto, pubblico-privato. Per la Regione saranno presenti l’assessore alla difesa del suolo Marco Betti e l’assessore alla casa, università e
ricerca Eugenio Baronti, che alla fine dei lavori, intorno alle 13, faranno il punto sulle iniziative della Regione per la tutela delle falde idriche in Toscana incontrando la stampa. Fra i
presenti anche il rappresentante di Acque industriali Roberto Salvadori, l’assessore alla pianificazione ambientale della Provincia di Lucca Maura Cavallaro e l’assessore all’ambiente del
Comune di Capannori Alessio Ciacci.

Leggi Anche
Scrivi un commento