Francia, “La baguette merita di diventare patrimonio dell’umanità”

Francia, “La baguette merita di diventare patrimonio dell’umanità”

 

Francia vs Italia, nuova puntata. Ora, il motivo della contesa è il riconoscimento UNESCO di patrimonio dell’umanità.

Di recente, tale onore è stato attribuito all’arte del pizzaiolo napoletano. Così, il presidente Macron ha di recente incontrato i maitres boulangers. Tema della riunione, come valorizzare il famoso filone di pane nazionale. Il politico ha spiegato di aver parlato con i panettieri e questi “Hanno visto che i napoletani sono riusciti a far entrare sono riusciti a far entrare la loro pizza nel patrimonio mondiale dell’Unesco e si sono detti: perché non la baguette? E hanno ragione!”

A sostegno, la Confederazione nazionale della panetteria-pasticceria francese. Dominique Anrat, il presidente, ha definito la baguette “Come la Torre Eiffel, uno dei principali simboli della Francia”.

Dal pane al vino. In questo caso, i cugini d’Oltralpe sono in vantaggio: gli Coteaux, Maisons et Caves de Champagne sono già nella lista del Patrimonio dell’Umanità, categoria “Paesaggio organicamente evoluto”.

Da parte loro, gli italiani replicano candidando le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiene.

Tra i sostenitori, la Coldiretti, che spiega le ragioni dell’iniziativa. Per Coldiretti, la candidatura “riafferma il grande valore culturale e ambientale che l’agricoltura riveste in special modo in territori eccezionali come le colline di Conegliano e Valdobbiadene” e può vantare numeri importanti. 3000, gli agricoltori attivi, 5000, gli ettari di terreno coltivati a vigneto, 655.211 gli ettolitri di vino DOC. La candidatura di Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene è stata presentata circa un anno fa, il 26 gennaio 2017, ed a breve si aspettano risultati positivi.

In ogni caso, nella classifica l’Italia è messa più che bene. Nella lista UNESCO dei patrimoni culturali immateriali ci sono già otto prodotti italiani: l’Opera dei pupi, il Canto a tenore, la Dieta mediterranea, l’Arte del violino a Cremona, le macchine a spalla per la processione, la vite ad alberello di Pantelleria e la Falconeria

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento