Vini ad Arte: il Sangiovese in mostra!

 

Due giorni dedicati al Sangiovese di Romagna, è questo Vini ad Arte, evento organizzato dal Convito di Romagna, che si terrà il 22 e 23 febbraio al Museo Internazionale
delle Ceramiche di Faenza. La manifestazione sarà tutta dedicata ad uno dei vitigni più conosciuti d’Italia, che fino a oggi è stato, a torto, attribuito
principalmente alla Toscana. L’evento, aperto la domenica al pubblico e il lunedì agli operatori, terrà infatti a battesimo l’anteprima della nuova annata di
questo straordinario vino, che nulla ha da invidiare ai più noti cugini toscani.

La domenica dalle 14 alle 19 e il lunedì dalle 11 alle 22 saranno in degustazione 150 vini del territorio romagnolo. Durante le giornate i visitatori avranno
l’opportunità di conoscere il Convito di Romagna grazie alle sue otto aziende. Il Convito di Romagna è un consorzio volontario che riunisce Tre Monti, Stefano
Ferrucci, Fattoria Zerbina, Poderi Morini, Calonga, Drei Donà – La Palazza, San Patrignano e San Valentino, aziende che hanno fatto del Sangiovese la propria bandiera, conosciute
nel mondo ma strettamente legate alla propria terra. Accanto ai soci del Convito di Romagna, saranno presenti anche venti produttori del territorio: Monticino Rosso, Costa Archi,
Gallegati, Villa Liverzano, Vigne dei Boschi, Bragagni Andrea, La Collina, Francesconi Paolo, Cà di Sopra, Tenimenti San Martino, Casetta dei Frati, Villa Papiano, Il Pratello
Tenuta Pennita, Villa Bagnolo, Casetto dei Mandorli, San Lorenzo in Scanno, Tenuta Volpe.

Ci sarà infine un’area dedicata allo champagne, con alcune delle sue migliori espressioni quali Delamotte e Salon, insieme alle denominazioni AOC Faugères, AOC St
Chinina e AOC Coteaux du Languedoc. In rappresentanza di queste ultime, saranno presenti le aziende Domaine Le conte des Floris, Domaine La Croix Vanel, Domaine Stella Nova, Domaine de
Clovallon, Mas d’Alezon.

Durante Vini ad Arte si potrà degustare anche la famosa Bombetta della Murgia, un fagottino di capocollo di maiale ripieno di formaggio pecorino o vaccino (canestrato Pugliese),
prezzemolo, sale e pepe. La sua unicità? Con la cottura, il formaggio all’interno tende a fondersi creando una vera esplosione di gusto. La bombetta nasce circa
quarant’anni fa ad opera di macellai di Martina Franca in Valle d’Itria e viene tradizionalmente proposta come specialità da infilzare negli spiedi per la cottura
alla brace. Sarà la condotta Slow Food di Alberobello a presentare agli ospiti della manifestazione questa vera delizia.

Molti sono dunque i motivi per partecipare a Vini ad Arte: anzitutto, conoscere l’Altro Sangiovese, quello di Romagna, oggi divenuto prodotto d’eccellenza grazie alle aziende che
hanno investito con tenacia e passione in questo progetto.

E l’evento sarà anche un’opportunità per visitare il Museo Internazionale delle Ceramiche, una delle grandi eccellenze del territorio. Come il vino, anche la
ceramica affonda le proprie radici nell’argilla, ed è per la città di Faenza e l’intera regione motivo di alto vanto grazie alle sue origini secolari.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento