Verdura fai-da-te? C è Grow The Planet

Verdura fai-da-te? C è Grow The Planet

Amare la verdura coltivata da sé, ma non riuscire a far crescere manco una carota rachitica.

Molti italiani sono in questa condizione, desiderosi di cibo verde fatto in casa ma privi dell’esperienza e della capacità necessari.

Il loro soccorso “Grow The Planet”, social network dedicato all’agricoltura fai-da-te. Dà tempo conosciuto nel mondo anglosassone, ora il portale è presente
anche in italiano, seppur ad oggi in versione beta.

Dietro al portale, una serie di necessità percepite.

Forse, al primo posto, A Better World: cercare cioè di migliorare la situazione mangiando meglio, scegliendo cibo locale e riducendo l’inquinamento.
Da non dimenticare la dimensione economica: produrre da sé parte del cibo vuol dire ridurre sensibilmente la spesa del settore.
Infine, il gusto: l’orto personalizzato consente di ottenere prodotti poco commercializzati,

Così, per usare Grow the Planet bisogna iscriversi (è gratis) e spiegare il progetto del proprio orto.

Sarà la community del sito a dare consigli, insegnare pratiche e dare buoni consigli. Il portale offre inoltre informazioni in tempo reale sulle condizioni meteo nella zona del proprio
orto e sulle misure da prendere in caso di eventi atmosferici estremi. Tramite poi la geo localizzazione sarà possibile trovare altri coltivatori nelle vicinanze, creando una sorta di
“comunanza agricola”.

Inoltre, il sito ha un’ offerta completa. Ad esempio, la guida alla dispensa, con particolare enfasi al fai-da-te naturale, dal detersivo ai conservanti. O l’elenco delle piante, dal nome
latino del vegetale alla distanza necessaria per le piantine.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento