Vercelli: Un progetto per incentivare il turismo sostenibile nelle aree rurali

Vercelli: Un progetto per incentivare il turismo sostenibile nelle aree rurali

Vercelli – Nell’ambito del programma di Sviluppo la Provincia di Vercelli ha predisposto un progetto e delle risorse finalizzati all’incentivazione delle attività turistiche
connesse alla fruizione sostenibile del territorio rurale.

Il progetto si divide in due aspetti essenziali: la Rete Sentieristica per la realizzazione di itinerari escursionistici fruibili a piedi, in bicicletta ed a cavallo e lo sviluppo e la
commercializzazione di servizi al turista a supporto dell’offerta locale.

Si persegue l’obiettivo di incentivare il turismo sostenibile nelle aree rurali favorendo la fruizione degli itinerari escursionistici ricompresi nella rete sentieristica regionale, attraverso
l’infrastrutturazione dei percorsi, la creazione di piccole strutture ricreative e ricettive per favorire l’accoglienza e l’attivazione dei servizi al turista tesi a promuovere una più
ampia frequentazione turistico escursionistica da parte di tutte le fasce sociali in contesto integrato con le realtà territoriali esistenti.

Spiega l’Assessore al Turismo Marco Pasteris: “Si tratta di un’azione finalizzata a generare una ricaduta significativa in termini di presenze di turisti nelle aree, contribuendo alla
diversificazione dell’economia rurale, alla manutenzione dell’ambiente, alla conservazione del paesaggio, al mantenimento ed alla creazione di nuove opportunità occupazionali”.

Nel progetto sono stati coinvolti i comuni interessati il cui territorio ricade nella Comunità Montana Valsesia e nella Comunità Collinare Aree Pregiate del Nebbiolo e del
Porcino.

La Comunità Montana ha elaborato un progetto per la creazione di una rete sentieristica per la fruizione di tratti non adeguatamente valorizzati al momento. In particolare ha soffermato
l’attenzione della rete sentieristica in quelle zone attualmente poco sviluppate.

La Comunità Collinare ha realizzato uno progetto per incrementare le presenze sul proprio territorio valorizzando le tipicità enogastronomiche tipiche.

In particolare il progetto intende valorizzare l’area tipica delle uve nebbiolo dal quale deriva il celebre vino gattinara e permettere la fruizione del territorio ad un bacino di utenza maggiore
di quello attuale.

Conclude l’Assessore Pasteris: “Partiamo dal presupposto che la sentieristica è uno strumento importantissimo per un’area ambientale, ma soprattutto vogliamo dare la possibilità ai
tanti visitatori di far comprendere che le aree montane e collinari non sono solo di natura geografica e ambientale ma luoghi di sapere e di cultura che meritano di essere conosciuti”.

Leggi Anche
Scrivi un commento