Vacanze intelligenti, le scelte degli italiani.

Vacanze intelligenti, le scelte degli italiani.

Dove andranno quest’anno è l’interrogativo che si pongono gli operatori del settore. A prenotare con giusto anticipo sono sempre di meno e così chi deve programmare il lavoro per
garantire un servizio, si trova a fronteggiare urgenze e imprevisti a discapito della qualità.

Problemi a parte, dalle previsioni di come si muoverà la stagione estiva pare che gli italiani siano quest’anno più orientati a rimanere dentro i confini del Paese. Gli effetti
della crisi e le preoccupazioni di molte famiglie, stanno mutando radicalmente la vacanza come evento: dalla scelta delle località al tipo di vacanza. Meno soggiorni a lungo raggio, meno
formule “roulette”,  meno giorni , meno viaggi organizzati, meno tutto. L’imperativo di quest’anno sembra essere: in vacanza si ma risparmiando se si può.

Con la crisi gli italiani  stanno usando criteri selettivi che meritano attente considerazioni. Se il mare rimane la meta preferita, non è necessario andare nel mar Rosso, in Spagna
o in Grecia, ma ci sono tante splendide località sulle nostre coste che gli italiani sanno. Il villaggio impersonale “tutto compreso” a molti sta stancando perché cresce la voglia
di vacanza esperienziale,  non stereotipata, con un buon mix tra relax, bellezze naturali e divertimento.

Fare una vacanza  senza lo stress di un viaggio aereo, dove si  sceglie luogo e sistemazione, dove non si fanno sgomitate al buffet, si mangia come in nessun altro posto al mondo e in
poche ore di auto si può tornare a casa; dà alla vacanza un altro valore che gli italiani stanno riscoprendo. Basta non partire all’avventura, oggi con internet ci sono tutte le
possibilità per scegliere bene e costruirsi una bella vacanza su misura, anche in piena crisi. Tanti l’hanno capito e l’economia italiana ringrazia.

Leggi Anche
Scrivi un commento