Trapianto completo di laringe e trachea: dopo 11 anni una donna torna a parlare

Trapianto completo di laringe e trachea: dopo 11 anni una donna torna a parlare

Un trapianto, eseguito per la prima volta in contemporanea, di laringe e trachea ridà voce e senso del gusto ad una 52enne americana.

Per Brenda Jensen, i problemi erano iniziati nel 1999. Vittima di un intervento sbagliato, la donna si era trovata le corde vocali paralizzate, ed aveva dovuto imparare a parlare con un
dispositivo portatile e respirare attraverso un buco nel collo.

Per risolvere la situazione, nell’ottobre 2010 la donna si è sottoposta ad intervento chirurgico di riparazione al Davis Medical Center. L’equipe di chirurghi, tra cui l’italiano Paolo
Macchiarini, ha lavorato 19 ore: oltre all’innesto di laringe e trachea, gli esperti hanno ricostruito le connessioni muscolari, nervose, vocali e della deglutizione.

Nonostante la complessità e la durata del lavoro, il decorso post-operatorio è stato più che soddisfacente: meno di 14 giorni dopo essere finita sotto i ferri, la signora
Jensen ha ripreso a parlare, e guarda al futuro con ottimismo.

Spiega la donna: “Questa operazione mi ha ridato la vita e mi sento davvero fortunata ad avere avuto questa possibilità. È un miracolo. Adesso non faccio altro che parlare,
parlare e parlare. Ogni giorno è un nuovo inizio per me e sto lavorando davvero duro per ricominciare a usare le corde vocali e per allenare i muscoli della deglutizione. Probabilmente,
non potrò mai più cantare in un coro, ma è eccitante poter parlare normalmente e non vedo l’ora di mangiare, bere e fare di nuovo il bagno”. Inoltre, Brenda parla con la
propria voce nonostante l’apparato appartenga ad una donna, rimasta uccisa in un incidente stradale.

Miglioramenti a parte, le fatiche della signora Jensen non sono finite.

Nei primi 60 giorni dopo il trapianto, la californiana ha svolto con continuità esercizi di riabilitazione, per potenziare le corde vocali e stimolare il senso di deglutizione, visto che
per anni è stata alimentata con un tubo. Inoltre, il senso del gusto e dell’olfatto, precedentemente assopiti, stanno ritornando. Secondo i medici curanti, quando verrà rimosso il
tubo della tracheotomia, Brenda Jensen potrà vivere una vita normale.

E proprio i medici non nascondono la soddisfazione per l’impresa. Il professor Macchiarini ha definito il trapianto come “Straordinario”, mentre i colleghi ritengono che “L’operazione potrebbe
aprire la strada a trapianti analoghi in persone che hanno avuto malattie o traumi alla laringe che li costringono ad emettere suoni con apparecchi elettronici”.

FONTE: “Extraordinary larynx transplant restores voice, sense of taste, smell to California woman” UC Davis Health System: Newsroom, 20/01/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento