Nutrimento & nutriMENTE

«Touch and go»: tecnologia di comunicazione a campo ravvicinato

By Redazione

Obiettivo di un progetto di EUREKA guidato dal Centro finlandese per la ricerca tecnica VTT è studiare l’utilizzo della tecnologia di comunicazione a campo ravvicinato (near field
communication, NFC) nella vita di tutti i giorni. Il progetto SmartTouch si basa su cosiddetti oggetti intelligenti che vengono toccati con un lettore mobile, integrato ad esempio in un
telefono cellulare. Grazie a questo sistema, l’utente può ottenere informazioni o effettuare un pagamento.

Questa tecnologia viene già sperimentata in diversi studi pilota, più estesamente nella città finlandese di Oulu. Nel 2005, i lavoratori locali hanno iniziato a gestire il
proprio orario di lavoro avvalendosi di SmartTouch, afferma Janne Mustonen, responsabile del progetto SmartTouch per la città di Oulu. Successivamente sono stati effettuati altri due
esperimenti: «Nel primo caso si trattava di un servizio di ristorazione per gli anziani, che ordinavano il cibo da casa, limitandosi a sfiorare l’icona “Domani voglio mangiare
questo”», dichiara Mustonen. Nel secondo, per accedere alla palestra pubblica di Oulu, i cittadini utilizzano come chiave un cellulare con tecnologia NFC.

Sono state però scoperte molte altre applicazioni che attualmente vengono sperimentate ad Oulu. Tra queste figura un progetto volto a facilitare le operazioni di parcheggio che prevede
l’apposizione di un’etichetta sia sull’automobile sia nell’area di sosta. Occorrerà sfiorare entrambe le etichette per comunicare al sistema di parcheggio cittadino il luogo in cui si
trova la vettura e pagare la relativa tariffa. Un altro esperimento studia l’utilizzo della tecnologia NFC all’interno di un teatro. Gli spettatori possono pagare il biglietto, acquistare
bevande o snack e scaricare informazioni o brevi video clip.

«La comunicazione a campo ravvicinato è una tecnologia che cambierà il mondo perché permette di compiere con estrema facilità molte operazioni con un semplice
tocco. Non occorre premere molti tasti per ricevere un determinato servizio sul proprio cellulare, e questo è un vantaggio apprezzato da tutti», ha dichiarato Janne Mustonen al
Notiziario CORDIS.

La comunicazione SmartTouch si basa sulla tecnologia di identificazione a radiofrequenza (RFID) nonché sull’interfaccia e sul protocollo di connessione senza fili a breve raggio NFC.
Questa tecnologia può essere paragonata allo standard Bluetooth ampiamente utilizzato, ma il raggio d’azione delle etichette intelligenti della tecnologia NFC è pari solo a circa
dieci centimetri. «La tecnologia NFC può fornire qualche informazione in più rispetto a un semplice codice identificativo e, pertanto, può memorizzare dati e dispone
anche di una certa potenza di elaborazione», spiega il dottor Tuomu Tuikka, responsabile del progetto presso il VTT. «La tecnologia Bluetooth è più veloce, ma i
vantaggi della tecnologia di comunicazione a campo ravvicinato sono ovvi quando si tratta di effettuare pagamenti, acquistare biglietti e posizionare dispositivi a contatto tra loro».

Tuttavia, poiché nell’ambito di queste operazioni si effettuano anche trasferimenti di denaro, occorre altresì affrontare problemi di sicurezza, aspetto attualmente oggetto di
studio sia da parte di SmartTouch che del forum dell’NFC, un’associazione industriale senza scopo di lucro. In linea di principio, un fattore di sicurezza della tecnologia NFC è il suo
breve raggio d’azione, afferma il dottor Tuikka. «Anche in questo caso, però, se nel dispositivo è integrata una carta Visa o MasterCard, si prospetta una situazione
completamente diversa. L’applicazione della carta di credito può essere memorizzata sulla carta SIM ma all’interno di un elemento sicuro: questo significa che le chiavi dell’elemento
sicuro sono in possesso di un’organizzazione fidata». I dettagli, tuttavia, devono ancora essere definiti, analogamente a modelli aziendali vantaggiosi per i partner del progetto.

«È difficile prevedere quando la tecnologia NFC sarà effettivamente immessa sul mercato e diventerà di uso comune», afferma Tuomu Tuikka. Benché siano
già in commercio telefoni cellulari abilitati NFC, si deve ancora fare chiarezza su questioni di standardizzazione e certificazione.

Questo progetto triennale, che sarà completato alla fine del 2008, è finanziato dal programma Tecnologia dell’informazione per il progresso europeo (Information Technology for
European Advancement, ITEA), un raggruppamento strategico di EUREKA. Allo studio partecipano 24 organizzazioni di Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Israele, Paesi Bassi, Spagna e Regno
Unito. Con una dotazione finanziaria di 30 Mio EUR, SmartTouch è il principale progetto per lo sviluppo della tecnologia NFC in Europa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: