Torna il buon vivere di SANA

Bologna – Cibo sano e buono, salute e cura di sé, una casa capace di offrire semplicità, naturalità e bellezza: dalle tre aree storiche di Sana emerge il progetto
di un buon vivere che sempre più prende spazio nella nostra vita quotidiana, un’idea di benessere nuova, attualizzata rispetto ai nuovi bisogni, ai nuovi stili di vita che cambiano
insieme alle persone.

L’alimentazione, fulcro di questa edizione, vuole dare risposte al nuovo desiderio di ritrovare il piacere del gusto e della convivialità mettendo in luce come i prodotti da agricoltura
biologica siano straordinari ingredienti, partner ideali per la cucina italiana.

Il cibo del buon vivere è al centro dell’indagine 2008 dell’Osservatorio Permanente sui consumi diretto da Giampaolo Fabris e protagonista dell’evento che animerà il «cuore
mostra» durante i quattro giorni della manifestazione. Da un grande palco andrà in scena «A Sana con gusto. Buon cibo da scoprire, da guardare, da pensare»: cucina in
diretta, degustazioni guidate, conversazioni e incontri in compagnia di cuochi, artisti, personaggi del mondo dello spettacolo.

Due concorsi mettono alla prova inventiva e abilità culinarie. Il primo, in collaborazione con «Sale e Pepe» premia Una ricetta tutta bio. Semplice, buona e sana che preveda
non più di sette ingredienti, tutti rigorosamente biologici. Il premio («tanta spesa quanto pesa» il vincitore) è a cura di NaturaSì, che anche quest’anno
sarà presente in Fiera con un grande supermercato della natura.

Il secondo, in collaborazione con Il Resto del Carlino è il Premio per la migliore reinterpretazione di una ricetta italiana della tradizione che dovrà essere realizzata
esclusivamente con ingredienti biologici.

In un progetto di vita sana trova grande spazio un aspetto curato e piacevole che, come specchio dello star bene, propone salute e benessere come facce di una stessa medaglia, come sinonimi.

Oggi i cosmetici naturali incontrano sempre più il favore del pubblico e questa edizione, grazie anche alla collaborazione con UNIPRO (Associazione Italiana delle Imprese Cosmetiche)
potrà esprimere con maggior forza i contenuti professionali e le potenzialità del mercato del benessere naturale.

Certificazione, informazione, percorso di filiera restano i cardini della strategia di Sana e prodotti e linee di cosmetici certificati, segnalati da uno specifico pittogramma, offriranno un
vero e proprio percorso di qualità all’interno dei padiglioni.

L’abitare è il terzo ingrediente del buon vivere poiché la casa è un luogo centrale nella nostra vita. Sana 2008, in collaborazione con il Politecnico di
Milano e il coordinamento scientifico di Ezio Manzini, propone nuove forme dell’abitare che, all’interno di contesti naturali, dedicano grande

attenzione alla scelta dei materiali in funzione della salute delle persone. La nuova casa è fatta di spazi che sanno accogliere, che esprimono valori estetici ma anche sociali, che
aprono alle relazioni invitando a un ritmo di vita più lento.

All’interno di quest’area EquoLab offre un terrreno di confronto fra le imprese artigiane europee che

operano con criteri trasparenti di responsabilità sociale e quelle del sud del mondo che appartengono alla rete del Fair Trade. Un incontro che vede il design come ispiratore e mediatore
fra culture diverse.

Green hand, tre vite per il tessile. Riuso-Recupero-Riciclo sarà invece l’occasione per scoprire come il ciclo di vita dei prodotti sia pieno di potenzialità e
come quello che ieri era considerato un rifiuto possa diventare una risorsa.

Il buon vivere guarda al futuro e l’infanzia diventa così un campo di ricerca per ripensare le qualità sostenibili dei prodotti. Questo l’obiettivo di Sanakids,
una mostra che rivisita le tre aree espositive guardando alle esigenze dei bambini e offrendo uno spazio di riflessione che permette di proiettare attività produttive, prodotti e
comportamenti nello scenario di un mondo sostenibile.

Leggi Anche
Scrivi un commento